Formula 1

F1 | Schumacher, ricatto alla famiglia con foto post incidente sugli sci: due arresti

Volevano un ricatto milionario o avrebbero pubblicato foto private di Schumacher: arrestate due persone per estorsione.

Pronti a tutto pur di diventare milionari: è finita male per due persone che hanno tentato il ricatto alla famiglia di Michael Schumacher con delle foto private. Le autorità tedesche hanno trovato scatti relativi alla vita personale del sette volte campione del mondo di Formula 1.
Le indagini sul tentativo di ricatto hanno portato i procuratori della città di Wuppertal a trovare dei file contenenti foto rubate alla famiglia dell’ex pilota Ferrari. E non si tratta di immagini come altre.
Credits: Alamy
Le foto riguardano Schumacher dopo il suo indicente sugli scii, avvenuto nel dicembre 2013 sulle Alpi francesi. Scatti delicati di quel giorno fatale che ha cambiato per sempre la vita alla pluricampione del mondo, che ha dominato in Formula 1 nei primi anni 2000.
Com’è ormai tristemente noto, il tedesco non è più apparso in pubblico. La famiglia del Kaiser mantiene la massima riservatezza sulle sue condizioni, limitando l’accesso alle informazioni solo alle persone a lui più vicine.
Il caso è ancora aperto, ma ulteriori dettagli sui sospettati di estorsione non sono ancora stati resi noti. Secondo quanto riporta Reuters, gli indagati avevano minacciato di pubblicare le foto sul dark web se non avessero ricevuto milioni di euro. Per far capire alle vittime le loro intenzioni, i due avrebbero inviato loro i suddetti file.
Il pubblico ministero Wolf-Tilman Baumert ha aggiunto di non voler rilasciare altre dichiarazioni poiché le indagini sono ancora molto “intense” e proseguiranno finché non si andrà in fondo alla storia.
Un portavoce di Schumacher ha rifiutato di commentare il caso. Il quotidiano locale Suedkurier rivela che i sospettati sono un padre di 53 anni – buttafuori in una discoteca di Costanza – e suo figlio trentenne.
Crediti immagine di copertina: Getty Images

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.