A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Tutti pazzi per Bearman, Ivan Capelli: “In Arabia Saudita un piccolo capolavoro”

Il giovanissimo Oliver Bearman, settimo al traguardo nel GP dell’Arabia Saudita di F1, impressiona Ivan Capelli: “Ha fatto un capolavoro”.

Oliver Bearman e il suo “piccolo capolavoro” nel GP dell’Arabia Saudita di F1 fanno innamorare Ivan Capelli. L’ex pilota Ferrari ha speso parole al miele sul talentino britannico, subentrato a Carlos Sainz. L’appendicite che ha fermato il titolare spagnolo si è rivelata un’occasione d’oro per il giovane dell’Academy, promosso in prima squadra dopo aver conquistato la pole in Formula 2.

F1 Bearman Ivan Capelli Arabia Saudita Ferrari
Oliver Bearman dopo aver sorpassato Nico Hulkenberg – Scuderia Ferrari

Preciso, freddo e veloce: tre parole per descrivere la prima esperienza di Oliver Bearman in una gara di Formula 1. Il nativo di Chelmsford, classe 2005, ha stupito il mondo del motorsport con una prestazione stellare. Dopo appena una sessione di libere per adattarsi alla SF-24, poche ore dopo la pole in F2, l’inglese ha sfiorato un clamoroso Q3 per una manciata di millesimi.

In gara, partito undicesimo, ha sfruttato perfettamente le occasioni presentategli per risalire la classifica fino al settimo posto. Il finale di Gran Premio, con la difesa a distanza su Lando Norris e Lewis Hamilton, sono la firma di “Ollie” su una corsa da sogno. Oliver Bearman, in Arabia Saudita, ha conquistato addetti ai lavori e tifosi, che lo hanno eletto “Driver of The Day“.


Leggi anche: F1 | Il GP d’Arabia Saudita non è ancora finito: Racing Bulls protesta contro Haas


Ha fatto un piccolo capolavoro – ha commentato Ivan Capelli ai microfoni di Sky Sport – Ha saputo gestire la tensione e una partenza molto difficile, ovviamente, in mezzo al gruppo. Cosa più importante, è riuscito a gestire le proprie emozioni. Ha gestito perfettamente i momenti critici, dal pit stop alla Safety Car, non c’è stata alcuna sbavatura“.

L’inglese è molto vicino ad un sedile in Haas, nel 2025, ma è comunque improbabile che resti in Formula 2 un altro anno ancora. Già nel 2023 si era rivelato il più pronto, fra le riserve della serie cadetta, durante le sessioni di Prove Libere concesse ai giovani piloti. Pilota della Prema, con il compagno Andrea Kimi Antonelli è fra i più brillanti talenti del futuro.

Foto Copertina: Scuderia Ferrari

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter