Formula 1News Formula 1

F1 | Vasseur a Imola: “Così Ferrari sta già pensando al 2026”

Per Ferrari il 2026 è già una priorità e da Imola il TP Vasseur ha spiegato come il team sta dividendo le forze in vista della rivoluzione regolamentare.

Sono tanti i temi emersi nella consueta conferenza Ferrari riservata ai media italiani nel giovedì di Imola, dove Fred Vasseur ha spiegato come a Maranello buona parte del focus sia già spostato sul 2026.

Difficile dare una percentuale. Sicuramente parte del team è già al lavoro per il 2026. Altra parte si occupa di questo weekend, un’altra dei prossimi aggiornamenti e un’altra ancora della macchina 2025. Ovviamente il progetto per il prossimo anno è già stato avviato“, spiega il francese.

Vasseur Ferrari Imola
A Imola Vasseur ha spiegato come Ferrari dividerà il lavoro in vista del 2026. Credits; XBP Images

La sfida per il 2026 saranno sicuramente le grandi differenze rispetto agli attuali regolamenti. Sul telaio al momento non sappiamo molto. Sicuramente si possono realizzare dei modelli ma sino a quando non avremo i regolamenti completi non avremo molte certezze. Sul motore invece stiamo dando il 200%. Da mesi. Se non da anni

Vasseur: “Ferrari al lavoro su nuovi aggiornamenti. Difficile dedicare risorse al 2025”

La rivoluzione 2026 rappresenta la sfida principale per i team ma ciò non toglie che parte delle risorse vadano comunque impiegate per il mondiale in corso. In quest’ottica il TP Ferrari ha confermato l’arrivo di ulteriori aggiornamenti nei prossimi GP.

Sicuramente porteremo altri aggiornamenti prima del finire della stagione. Non sarebbe corretto dire che ci stiamo già concentrando esclusivamente sulla vettura 2026. Soprattutto considerando che ancora non abbiamo alcune delle regole che saranno poi in vigore quell’anno.


Leggi anche: F1 | Leclerc su Hamilton: “Con Lewis assieme in Australia. In Italia lo accoglieranno alla grande”


Penso che l’anno prossimo sarà ancor più complicato decidere quante risorse dedicare al 2025 e quante alla macchina frutto del nuovo regolamento. Ma sono ragionamenti che ora non possiamo fare. Se ne parlerà dal primo gennaio 2025“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter