Formula 1

F1 | Vasseur avvisa: “Ferrari potrebbe non aver ancora risolto i problemi di degrado”

Al netto di un GP del Giappone che ha confermato i miglioramenti della SF-24 nella gestione gomme, Vasseur ritiene che la Rossa potrebbe non aver risolto del tutto i suoi problemi di degrado.

L’inverno in casa Ferrari ha visto il degrado gomme in cima alla lista delle priorità da risolvere in vista della nuova stagione, come confermato dallo stesso TP Vasseur.

Ferrari Vasseur degrado
Vasseur afferma che Ferrari potrebbe non aver ancora risolto i problemi di degrado. Credits: Ferrari Media

Siamo migliorati molto nella gestione degli pneumatici”, ha spiegato il francese. “In Arabia e a Melbourne abbiamo ottenuto il giro veloce all’ultimo passaggio. E a Suzuka non ci siamo riusciti per un decimo”.

Più in generale abbiamo fatto un ottimo passo in avanti. Abbiamo lavorato duramente sui punti deboli dello scorso anno, partendo dagli pneumatici arrivando a gestione piloti e strategie”.

Vasseur: “Freddo in Cina sfida importante”

Ma per il francese non è certo il momento di sedersi sugli allori. Al netto di un ottimo inizio di stagione, coronato con una vittoria, la Rossa ancora insegue la Red Bull. E anche sul fronte degrado, la partita non sembra essere chiusa.

Ora abbiamo tutto sotto controllo. Ma quello che è vero un giorno potrebbe non esserlo un altro, soprattutto per quanto riguarda la gestione pneumatici. Non è un problema che abbiamo del tutto risolto”.


Leggi anche: F1 | Verstappen: “Prossimo compagno? Non importa tanto finirà dietro di me”


Ora la F1 si sposta in Cina. L’impianto di Shangai ha un asfalto differente rispetto a quello di Suzuka, circostanza che rappresenta una nuova sfida.

In Cina l’asfalto è completamente diverso”, spiega Vasseur. “Le condizioni meteo sono particolari e credo gireremo con pista più fredda. Credo che la situazione sarà simile alle FP3 in Giappone”.

La curiosità per questo tipo di condizioni è capire come si comporterà la vettura. Sotto ogni aspetto. Primo fra tutti il degrado, ma anche il motore e la gestione del carburante”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter