Formula 1Interviste F1News Formula 1

Alonso lancia l’allarme: “I piloti spagnoli devono essere tutelati, parlerò con la FIA”

Fernando Alonso esige chiarimenti da parte del presidente FIA Mohammed Ben Sulayem alla luce dei recenti diverbi avuti per le decisioni prese dai commissari nelle ultime gare

È un Fernando Alonso estremamente polemico quello che si è presentato ieri ai microfoni al termine della sprint race di Miami. Lo spagnolo non ha infatti accolto con grande entusiasmo la decisione presa dai commissari di gara di non penalizzare Lewis Hamilton per la manovra effettuata in partenza, che ha innescato la carambola tra le due Aston Martin, con Lando Norris e lo stesso Fernando che hanno pagato più di tutti le conseguenze.

Alonso FIA Ben Sulayem
Alonso esige chiarezza dalla FIA e da Ben Sulayem alla luce dei recenti avvenimenti © HOCH ZWEI

Secondo lo spagnolo, anche alla luce dei recenti avvenimenti nello scorso fine settimana in Cina, vi sarebbe una disparità di trattamento tra piloti in base alle diverse nazionalità, con i piloti spagnoli finiti in particolar modo nel mirino della FIA.

Intervistato al termine della sprint, Alonso ha affermato di voler chiedere chiarimenti a Ben Sulayem su quanto accaduto recentemente: “Credo che la nazionalità sia importante”.

“Parlerò con Mohammed e con la FIA. Devo assicurarmi che non ci sia nulla di sbagliato nella mia nazionalità o che possa influenzare qualsiasi decisione. Non solo per me, ma anche per la futura generazione di piloti spagnoli, che devono essere tutelati”.


Leggi anche: Mintzlaff spazientito dai commmenti di Wolff su Verstappen: dura la risposta del CEO Red Bull


Parlando poi della carambola in partenza, Fernando non ha perso occasione per lanciare un’altra stoccata indirizzata ai commissari: “Se lo avessi fatto io, di sicuro mi sarei beccato una penalità. Dovevo aprire il varco, perché Hamilton stava arrivando dall’interno senza controllare la macchina”.

Complice il pit stop forzato, effettuato a causa della foratura, Alonso è rimasto sin da subito estromesso dalla lotta per la zona punti nella sprint. Le cose non sono andate granchè meglio in qualifica, con l’asturiano che non è riuscito ad andare oltre una deludente quindicesima posizione, restando escluso in Q2.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter