Formula 1Interviste F1

F1 | Alonso emette la prima sentenza della stagione, e non è affatto positiva

Fernando Alonso non crede che possa esserci qualcuno in grado di sfidare Max Verstappen per il titolo nella stagione 2024

Sono appena terminati i test in Bahrain, con una tre giorni di prove molto intensa che ha decretato ancora una volta la superiorità di Max Verstappen, seppur sia stato Carlos Sainz a far segnare il giro più veloce nella classifica combinata. Il fuoriclasse olandese ha però fatto la differenza in simulazione gara, mettendo a segno dei long run formidabili per velocità e costanza sul passo. Consapevole di ciò, Fernando Alonso ha già emesso la prima sentenza dell’anno. 

Alonso Verstappen 2024
Alonso non crede che qualcuno possa sfidare Verstappen per il titolo nel 2024 © Motorsport

19 piloti consapevoli del proprio destino

“Non ho la sfera di cristallo per sapere cosa fanno gli altri”, ha esordito il due volte campione del mondo.  “Penso che Max sia il campione del mondo e che la Red Bull stia dominando questo sport. Inoltre, il concept che hanno presentato quest’anno è una sorpresa”.

I campioni del mondo in carica hanno già lasciato tutti di stucco lo scorso 15 Febbraio, presentando una monoposto con soluzioni estreme e decisamente discostante dalla filosofia che ha reso la RB19 una macchina da guerra lo scorso anno.

Poi la preoccupante predizione su come andrà la stagione: ”Al momento dobbiamo solo osservarli e vedere come si comportano. Penso che 19 piloti nel paddock ora pensino che non vinceranno il campionato. Succede il 99% delle volte nella tua carriera. Questo è uno sport brutale”.

Per quanto riguarda Aston Martin, la AMR24 è sembrata una monoposto competitiva sul passo gara, ma forse leggermente indietro anche rispetto a Ferrari, McLaren e Mercedes: “Penso che sia difficile dire ora se abbiamo una macchina vincente”.


Leggi anche: F1 | Gunther Steiner resta nel paddock: l’ex Haas riparte da un ruolo inedito


“Direi che, dopo aver visto Max e la RB20 quest’anno, ci sono meno possibilità per tutti di vincere una gara quest’anno. Ma le cose stanno così”.

Nonostante i test abbiano già dato indicazioni importanti, la prova del nove è attesa tra poco meno di una settimana sempre sul circuito di Sakhir, con il GP del Bahrain che darà inizio ad una stagione lunghissima, composta dalla cifra record di 24 appuntamenti.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter