Formula 1Interviste F1

F1 | “Hamilton ha già la testa in Ferrari”: Russell prende le difese del compagno di squadra

George Russell ha risposto ai recenti commenti di Ralf Schumacher, secondo il quale Lewis Hamilton sarebbe già proiettato alla sua nuova avventura in Ferrari

Solo otto punti dopo il ritiro di Melbourne, mai così male in classifica nelle prime tre gare, eppure Lewis Hamilton non è sembrato granché preoccupato del suo pessimo avvio di stagione, consapevole dell’avventura in rosso che lo attende tra meno di un anno.

Russell Hamilton Schumacher Ferrari
“Hamilton ha già la testa in Ferrari”: Russell risponde a Ralf Schumacher © Formula 1

Sono in molti nel paddock a credere infatti che il britannico sia già proiettato al 2025, tra cui Ralf Schumacher, il quale, al termine del weekend in Australia, si era espresso nel seguente modo: “Lewis non si è ancora adattato a questa macchina. Si vede che Russell sta affinando il tempo sul giro e si sente che Lewis è in difficoltà”.

“Sappiamo però che se riuscirà a trovare una finestra di rendimento, allora sapremo che farà bene. Al momento sembra però che la sua decisione di andare alla Ferrari…mentalmente, sia già lì”.

Ai commenti dell’ex pilota britannico ha risposto proprio George Russell, che, parlando a Nextgen-Auto, ha invece lodato la grande professionalità mostrata dal compagno di squadra sin dall’annuncio ufficiale: ”Ho letto quello che ha detto David ma non è così”.

“Dopo l’annuncio, penso che Lewis sia stato incredibilmente professionale con la squadra e il rapporto di lavoro con tutti all’interno della Mercedes sembra non essere cambiato. Anche il team è stato fantastico. Ci hanno dato entrambe le stesse opportunità. È sempre stato così fin dall’inizio”.


Leggi anche: F1 | Caso Horner, emergono nuove inquietanti rivelazioni da un amico della dipendente


“Ogni volta che vengono apportati dei miglioramenti alla vettura, ciò riguarda entrambi allo stesso tempo, mentre altri team spesso si occupano di una vettura prima dell’altra. Quindi lo sviluppo rimane lo stesso da parte nostra e tutti sono coinvolti come prima. Lewis vuole vivere un ultimo anno di successo con noi”.

Almeno per ora, però, l’ultimo anno alla corte di Brackley si sta rivelando un fiasco totale, nonostante ci fossero grandi aspettative sulla W15, considerando il fallimento dei due precedenti progetti.

Lo stesso Hamilton ha sempre parlato della nuova creatura di Allison come una monoposto dal grande potenziale ma dalla ridotta finestra di funzionamento. A ciò si sono aggiunti anche problemi di affidabilità, con Lewis costretto al ritiro a Melbourne per un guasto alla Power Unit.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter