Formula 1Interviste F1

F1 | Marko risponde alle provocazioni di Wolff: “Per favore, lasciatemi in pace!”

Helmut Marko ha commentato le recenti dichiarazioni di Toto Wolff, secondo il quale nessuno sarà in grado di contrastare Max Verstappen da qui a fine stagione

Nonostante la classifica costruttori e piloti dopo il quarto appuntamento stagionale veda un equilibrio abbastanza stabile tra Red Bull e Ferrari, Toto Wolff ha già posto una pietra tombale sulle speranze dei rivali in questo campionato, affermando senza troppi giri di parole che nessuno riuscirà a impensierire Max Verstappen per il titolo.

Helmut #Marko ha commentato le recenti dichiarazioni di Toto Wolff © XPB Images

“Nessuno riuscirà a prendere Max quest’anno”, ha commentato l’austriaco al termine della gara in Giappone. “La sua guida e la macchina sono spettacolari. Si può vedere il modo in cui gestisce le gomme e fondamentalmente questa stagione è la migliore rispetto a tutte le altre”.

Uno scenario sicuramente plausibile quello ipotizzato dal team principal Mercedes, nonostante la scuderia di Maranello abbia dimostrato di poter reggere il confronti in determinati frangenti.

Ne è un esempio evidente il weekend di Melbourne o la stessa gara di Suzuka, con Leclerc e Sainz che, una volta liberatisi del traffico, hanno messo in mostra un passo eccezionale e molto vicino a quello del duo Red Bull.

Sulle parole di Wolff si è espresso anche Helmut Marko, il quale, nel consueto appuntamento settimanale con i colleghi austriaci di oe24, ha spento subito la teoria del connazionale: ‘Per favore, lasciatemi in pace! Abbiamo disputato solo quattro gare, ne mancano ancora venti”.

”A Melbourne abbiamo visto come tutto può cambiare rapidamente. La Ferrari è forte e affidabile, non possiamo ancora escluderla”.


Leggi anche: F1 | Hamilton, la prova sedile con Ferrari soltanto a Dicembre?


”Abbiamo una buona macchina, ma Max fa di nuovo la differenza. A Suzuka era tutto chiaro, ma poi Max ha fatto questo incredibile giro veloce con le gomme usurate. Non per divertimento, ma per trasmettere il suo messaggio: Salve, gli altri sono lì solo per arrivare secondi!”

Nonostante la classifica sia ancora molto compatta, ad oggi è alquanto impensabile vedere una Ferrari capace di contendere entrambi i titoli alla Red Bull fino ad Abu Dhabi. Tuttavia, va detto anche che i tecnici di Maranello non hanno introdotto aggiornamenti a Suzuka, a differenza di Red Bull. 

In una Formula 1 che ormai si gioca sul filo dei millesimi, la corsa agli sviluppi risulterà quanto mai fondamentale quest’anno.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter