A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Il caso Horner fa implodere Red Bull: ai titoli di coda l’avventura di Helmut Marko

Il GP d’Arabia Saudita potrebbe essere l’ultimo in Red Bull per Helmut Marko, con l’austriaco finito sotto investigazione per la fuga di notizie che ha destabilizzato il team nelle ultime settimane

Sembra non esserci fine al caso Horner, con la trama di questa incredibile vicenda che si arricchisce di un nuovo tassello, che potrebbe però rivelarsi decisivo per il futuro di Red Bull. Pochi minuti fa, infatti, Helmut Marko, parlando con i connazionali di ORF, ha messo fortemente in dubbio la sua presenza nel GP d’Australia, in quanto sarebbe sotto investigazione da parte della stessa Red Bull per la fuga di notizie di queste ultime settimane. 

Marko Red Bull
Red Bull implode: verso i titoli di coda l’avventura di Marko © Getty Images

“Come posso spiegarlo? È difficile da spiegare, ma alla fine sono io a decidere cosa fare”, ha commentato il consulente austriaco.  “Questa possibilità teorica esiste”.

“È una questione davvero complessa. E ancora, vogliamo la pace nel team e vogliamo vederla. Questo campionato sta diventando abbastanza difficile con 24 gare ed è su questo che dobbiamo concentrarci”.

Parole che suonano come un addio annunciato, con un’eventuale dipartita di Helmut Marko che farebbe aumentare esponenzialmente le possibilità di un possibile addio di Max Verstappen.


Leggi anche: F1 | GP Arabia Saudita – Cronaca Qualifiche: Ferrari cerca la Pole, Sainz non corre [ LIVE ]


Negli scorsi giorni, infatti, è spuntata fuori una presunta clausola presente nel contratto dell’olandese, che gli permetterebbe di lasciare immediatamente Red Bull qualora l’austriaco dovesse salutare la compagine anglo-austriaca.

Un suo eventuale addio spalancherebbe le porte a quello che sarebbe un clamoroso trasferimento in Mercedes, con le voci già scoppiate in Bahrain che continuerebbero a trovare riscontro.

“Domani ho un altro colloquio e poi vedremo, ma deve essere tutto a posto perché io voglia continuare a lavorare lì”, ha aggiunto l’austriaco.

Proprio parlando di Verstappen, Marko ha poi aggiunto: “Max è sicuramente la risorsa più forte. Non ci sono piloti più veloci al momento. Perderlo sarebbe una perdita enorme. Anche per i meccanici e gli ingegneri, che si sforzano tutti di lavorare per lui”.

Infine, secondo quanto riportato da Erik Van Haren, Marko avrebbe ricevuto dalla sede centrale Red Bull l’ordine di non parlare con i media, in quanto ciò verrebbe visto come ”una minaccia all’autorità”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter