Formula 1

Il parere del Direttore: tripletta Verstappen, polemica Ferrari

Vince Verstappen, come da pronostico, ma è ormai chiaro come il pilota olandese non possa più contare su una macchina dominante. Anche a Barcellona, infatti, la sua Red Bull ha faticato, ma è riuscita a portare a casa il risultato. Tripletta Verstappen, polemica Ferrari e rinascita Mercedes. Così potremmo sintetizzare il weekend spagnolo.

L’olandese, ancora una volta, ha tratto il massimo dal suo pacchetto e, insieme a un lavoro perfetto ai box, ha raccolto la terza vittoria consecutiva, allungando in maniera decisa in classifica generale. Dalla tripletta di Verstappen alla polemica Ferrari, il passo è breve. Eh sì, perché non solo la Rossa è stata superata da Red Bull e McLaren, ma anche la Mercedes, che era abbondantemente dietro fino a qualche gara fa, pare aver annullato il gap.

F1 | GP Spagna: Verstappen batte Norris, affonda la Ferrari - RISULTATI
Max Verstappen in azione a Barcellona – Foto F1inGenerale

Norris si è conquistato il secondo posto nella classifica piloti, tuttavia non può uscire contento da Barcellona. Come a Montreal e a Imola, il pacchetto di Woking ha fatto intendere di essere il migliore in pista, ma per capitalizzare il tutto con la vittoria, ancora una volta, qualcosa è mancato. Sia a livello di manico, leggasi partenza rivedibile, sia a livello strategico, leggasi richiamo ai box un po’ tardivo nel primo pit stop.


Leggi anche: F1 | La classifica piloti e costruttori dopo il GP di Spagna – ROUND 10/24


Inevitabile, quindi, esaltare Verstappen e il box Red Bull, che hanno messo a segno un altro colpo grosso, nonostante sia ormai evidente che la vettura austriaca non sia più dominante, anzi. Perez ha remato al limite della zona punti, conquistando un insipido ottavo posto. Da Miami in poi, il messicano pare essere un passeggero di una monoposto irriconoscibile rispetto alle prime gare. Solo l’immensa classe dell’olandese riesce a portarla in posizioni che, al momento, non le competerebbero.

Alla Ferrari rimane la (sterile) polemica tra Sainz e Leclerc. Un piccolo contatto a inizio gara diventa l’argomento clou delle interviste post corsa. Forse, però, bisognerebbe interrogarsi su un’altra gara al di sotto delle aspettative. Addirittura da quarta forza, se pensiamo che la tanto vituperata Mercedes è riuscita a piazzare Hamilton e Russell davanti alla coppia di Maranello. Austria e Inghilterra incombono. Il rischio è che, se non si dovesse invertire il trend, gli entusiasmi di inizio stagione potrebbero rapidamente trasformarsi in critiche e incomprensioni, come troppe volte accaduto in passato.


Menzione, infine, per l’Alpine che non solo ha piazzato entrambe le vetture a punti, ma ha condotto gran parte del primo stint, con Gasly, sul ritmo dei migliori. Insomma, uno spiraglio di luce per la scuderia francese, che esce da Barcellona rafforzata e con un Briatore in più nel motore.

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.