Formula 1Interviste F1

F1 | Caso Horner, Verstappen e quel ‘no’ secco a Ben Sulayem

Il presidente FIA Mohammed Ben Sulayem avrebbe chiesto a Max Verstappen di sostenere pubblicamente Christian Horner, ricevendo però un secco rifiuto

Altro giro, altri dettagli sul caso Horner. La vicenda che ha caratterizzato l’intero mese di Febbraio, al netto delle presentazioni delle monoposto, dei test e della prima gara in Bahrain, sembra destinata a continuare a far discutere ancora a lungo, tra tensioni e faide interne in Red Bull che potrebbero portare a conseguenze nefaste per il team nel medio/lungo termine. 

Ben Sulayem Verstappen Horner
Caso Horner, Verstappen e quel ‘no’ secco a Ben Sulayem © Formula1news.co.uk

Nonostante la casa madre austriaca abbia scagionato il team principal da tutte le accuse, assicurando di aver condotto l’indagine con grande serietà e trasparenza, ciò che è successo nel paddock nel fine settimana appena trascorso ha raccontato una realtà ben diversa, a tal punto da spingere Jos Verstappen a rompere il silenzio, e mettere la squadra sotto scacco. 

“La squadra rischia di essere smembrata”, ha dichiarato il padre del tre volte campione del mondo al Daily Mail termine del GP del Bahrain. ”Non può continuare così, esploderà. Sta facendo la vittima, mentre è lui a causare i problemi”.

Parole fortissime quelle di papà Jos, a conferma di una spaccatura sempre più evidente all’interno del team, con Horner che sembrerebbe poter contare solamente sull’appoggio di Charlem Yoovidhya, il magnate thailandese proprietario al 51% dell’azienda.


Leggi anche: F1 | Verstappen domina in Bahrain, ma c’è ancora un aspetto dove la RB20 “non è così forte”


Poche ore fa, invece, Erik Van Haren, ovvero il giornalista di De Telegraaf che per primo ha fatto emergere lo scandalo lo scorso 5 Febbraio, ha parlato di un Ben Sulayem che avrebbe approcciato Max Verstappen a fine qualifica, chiedendogli di appoggiare pubblicamente Horner, ma ricevendo un sonoro rifiuto da parte dell’olandese.

Lo stesso Max che è stato guardingo per tutto weekend, evitando di esporsi troppo sulla vicenda: ”se guardo all’operato di Christian con il team è stato un capo squadra incredibile.“

“Non si può assolutamente mettere in dubbio se guardiamo alle prestazioni. Ed è questo l’aspetto che mi riguarda. Parlo molto a Christian e, ovviamente, durante tutto il weekend si è pienamente adoperato per la squadra. È qui ovviamente anche per la pista… probabilmente un po’ distratto. Ma come ho detto, siamo concentrati sulla pista, ed è così che lavoriamo tutti insieme.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter