A TCFormula 1Interviste F1News Formula 1

F1 | Norris messo K.O. da Verstappen: Stella durissimo sulla condotta di gara dell’olandese

Andrea Stella si è detto decisamente contrariato dal comportamento in pista di Max Verstappen nel duello con Lando Norris nel GP d’Austria

Che Max Verstappen sia rinomato per le sue difese al limite e per la sua aggressività nei duelli corpo a corpo non è una novità, ma quanto successo oggi con Lando Norris ha indubbiamente segnato un precedente pericoloso, non tanto per l’episodio in sé, quanto per la decisione presa dalla direzione gara di punire l’olandese solamente con dieci secondi a fine gara, nonostante sia stato il pilota McLaren ad avere la peggio, costretto poi al ritiro per i troppi danni riportati.

Stella Verstappen GP Austria
Stella ha criticato Verstappen per la condotta di gara nel GP d’Austria © Motorsport Week

Stella incolpa Verstappen

Verstappen, invece, sebbene abbia accusato anche anch’egli una foratura, è riuscito a ripartire dopo il pit stop, rientrando in pista in quinta posizione e portando a casa dieci preziosi punti, estendendo la propria leadership proprio su Norris, ora staccato di 81 punti. 

Intervistato da Sky Sports al termine del Gran Premio, Andrea Stella non le ha mandate a dire all’olandese: “Per me l’intera popolazione mondiale saprà chi è il responsabile, a parte un gruppo di persone. Il problema di fondo è che se non si affrontano queste cose in modo onesto, si ripeteranno”.

Il team principal McLaren ha poi citato i tanti scontri tra Verstappen e Hamilton nel 2021, dai quali Max non sembra apparentemente aver imparato: ”Oggi le stesse cose si sono ripresentate perché non sono state affrontate correttamente in passato, quando ci sono stati alcuni scontri con Lewis che dovevano essere puniti in modo più severo”.

”Ci sono molti episodi. Il fatto è che abbiamo così tanto rispetto per la Red Bull, così tanto rispetto per Max, che non hanno bisogno di fare questo. Non hanno bisogno di farlo. Questo è un modo per compromettere la propria reputazione. Perché farlo?”.

Sempre secondo Stella, le penalità dovrebbero essere applicate con maggior rigore ed essere proporzionali al danno inflitto all’avversario: ”I regolamenti devono essere applicati in modo efficace, perché quando una vettura è fuori gara a causa di questo incidente, la punizione deve essere proporzionata al risultato”.

“Prima di questo episodio, Verstappen si è messo due volte in frenata. Credo sia evidente e dobbiamo far rispettare il modo di correre perché vogliamo divertirci e vogliamo godercela”.


Leggi anche: F1 | Patatrac tra Norris e Verstappen nel GP d’Austria: l’olandese si difende e contrattacca


L’italiano ha avuto anche da ridire sulla penalità inflitta dai commissari a Verstappen, ritenuta troppo morbida: ”I commissari hanno reputato i dieci secondi una sanzione corretta. A volte coincide con un danno enorme per un pilota, oggi è stata ininfluente”.

”Sono sicuro che la FIA mediterà profondamente su quanto accaduto, perché sarebbe sufficiente rendere più ferree delle regole che già ci sono relativamente alle manovre lecite o non lecite in occasione di una lotta. Non vogliamo un altro 2021, che può anche essere stato divertente, ma per chi ama veramente le corse non è stato un bel momento”.

Infine, Stella ha parlato delle possibili ripercussioni nel rapporto tra i due piloti: ”Questi ragazzi sono sottoposti a una enorme pressione. A prescindere dal merito della questione, questa può essere una grande opportunità per Max per guadagnare ancora più rispetto. Si può chiedere scusa, ammettere di aver esagerato, e ripresentarsi un domani ancora più integri in un’altra occasione”.

“Anche se Lando avesse passato Max, è possibile che Max, grazie all’effetto del DRS, che è molto potente, si sarebbe potuto trovare in posizione per attaccare di nuovo Lando”.

“Quindi, in realtà, credo che ci sia stato impedito di assistere a una parte finale della gara piuttosto emozionante, perché non sono sicuro che Lando sarebbe andato via. Credo che la lotta sarebbe andata avanti fino alla bandiera a scacchi. È un peccato perché non lo sapremo mai”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.