A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Andretti non si arrende: inaugurata una nuova mastodontica sede a Silverstone

Andretti Global ha ufficialmente inaugurato una nuova struttura con sede a Silverstone come ulteriore tassello posto nel processo di avvicinamento verso l’ingresso in Formula 1

Nonostante la bocciatura formale ricevuta da Formula 1, Andretti non si dà per vinta. Nella giornata di oggi, infatti, la compagine statunitense ha ufficialmente inaugurato una nuova struttura con sede a Silverstone, come ulteriore tassello posto nel processo di avvicinamento verso l’ingresso in Formula 1.

La struttura diventerà un centro nevralgico per il personale britannico, composto da circa 80 persone, e lavorerà in stretta sinergia con la sede principale di Fishers in Indiana, quella di Banbury in Formula E e quella di General Motors a Charlotte, nel North Carolina.

Andretti Silverstone
Andretti Global ha ufficialmente inaugurato una nuova struttura con sede a Silverstone © Motorsport

Nasce la sede di Andretti Global a Silverstone

”Abbiamo avviato la fase successiva dei nostri preparativi per entrare nel Campionato del Mondo di Formula 1 con l’apertura di una nuova struttura a Silverstone Park, nel Regno Unito”, si legge nel comunicato stampa pubblicato da Andretti pochi minuti fa.

”Il nuovo edificio di 48.000 metri quadrati è una pietra miliare per Andretti Global. Si tratta di una proprietà indipendente a proprio nome, con la possibilità di incrementare le attività in base all’evoluzione della situazione. Lo spazio flessibile ospiterà strutture produttive, tra cui officine per modelli e macchine, ADM, elettronica, ricerca e sviluppo e ulteriori uffici e sale riunioni”.

Per quanto riguarda la suddivisione dei vari dipartimenti, il team di progettazione sarà operativo proprio nella nuova sede di Silverstone, mentre la produzione e la costruzione delle vetture avverrà negli Stati Uniti. Alcune fasi di ricerca e sviluppo avranno invece sede nel North Carolina. 

Michael Andretti non si arrende

“La F1 è ovviamente l’apice delle corse automobilistiche nel mondo”, ha affermato il 61enne di Bethlehem. “Siamo presenti in tutti i tipi di gare, ma essere in Formula 1 è il massimo. Ecco perché penso che per il nostro marchio sarebbe una cosa enorme”.

“Ciò completerebbe il nostro obiettivo, che è quello di partecipare a tutti i principali eventi sportivi del mondo. E poi, ovviamente, arrivare alla F1 è il massimo. È un grande obiettivo, che ci siamo posti da qualche anno a questa parte. Siamo proprio lì, ci arriveremo”.

“Stiamo anche costruendo una squadra fantastica, una cosa che sarà unica in F1, costruire una vera squadra di F1 da zero con grandi cervelli. Questo è un aspetto che credo possa cogliere di sorpresa molte persone, quando finalmente saremo sulla griglia di partenza”.

“La collaborazione con General Motors è fantastica”, ha affermato invece Dan Towriss, global partner di Andretti. ”Sentire come tutti lavorano insieme, al di là dei fusi orari. La tecnologia permette di fare le cose in tempo reale, è così eccitante. Quindi continuiamo a sfruttare questa opportunità”.


Leggi anche: F1 | Hill consigliere di Mercedes: “Ecco perchè non è una buona scelta prendere Vettel”


Anche Michael, infine, ha sottolineato l’importanza della partnership con il colosso statunitense: ”Avendo come partner GM, che è entusiasta come tutti noi di scendere in pista e mostrare la propria tecnologia, quando metteremo insieme tutto questo, porteremo qualcosa di veramente unico”.

“Insieme a un’altra cosa che non è mai stata fatta. Credo che sarà una grande storia, sarà un team tutto americano, con la macchina costruita negli Stati Uniti, con un motore americano, proprietari americani e infine piloti americani. Quindi è sempre bello fare qualcosa che non è mai stato fatto prima”.

Allo stato attuale delle cose, Andretti sembrerebbe avere maggiori possibilità di entrare in griglia a partire dal 2028 proprio con Cadillac come fornitore di Power Unit. Tuttavia, dovessero i piani subire delle modifiche, gli americani potrebbero entrare comunque nel 2026, utilizzando però la Power Unit Renault per le prime due stagioni. 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter