Formula 1Interviste F1

F1 | Ferrari, i punti forti della SF-23 da riproporre anche sulla vettura 2024

Carlos Sainz ha identificato alcuni punti forti che hanno reso la SF-23 di quest’anno molto competitiva in alcuni circuiti che Ferrari dovrebbe riproporre anche sulla vettura 2024.

La SF23 non verrà ricordata come la monoposto più vincente progettata dalla scuderia di Maranello, eppure è possibile identificare alcuni punti forti che hanno reso la vettura 2023 a tratti decisamente competitiva, e riproporli su quella della prossima stagione. La SF-23 ha dimostrato di essere molto rapida in trazione e nella velocità di punta, peccando invece nella gestione gomme, uno degli aspetti principali da risolvere in vista del 2024.

Ferrari SF23 2024
Ferrari, cosa salvare della SF-23 nel 2024 secondo Carlos Sainz

Ferrari, cosa salvare della SF-23 nel 2024 secondo Carlos Sainz

Domandatogli cosa vorrebbe che rimanesse della monoposto di questa stagione anche nel 2024, il madrileno ha risposto: Sicuramente la velocità in rettilineo, la performance in frenata e nelle curve a 90 gradi e di breve durata. Inoltre, il passaggio sui cordoli credo sia un punto di forza. Quindi, la vettura ha punti molto, molto forti”.

Se la F1-75 del 2022 aveva come peculiarità la grande competitività in curva e di contro una bassa efficienza aerodinamica sul dritto, la SF-23 ha invece rappresentato l’esatto opposto, esaltandosi in circuiti con lunghi rettilinei e faticando nelle piste più tortuose.


Leggi anche: F1 | Stroll impietoso in qualifica: il confronto con i compagni di squadra in carriera


Per tale motivo, Sainz ritiene che alcune dei punti di forza debbano essere sacrificati per avere una vettura completa in ogni aspetto: “Credo che se vogliamo avere una macchina competitiva tutto l’anno, forse dobbiamo rinunciare ad alcune di queste caratteristiche per essere sicuri di essere veloci ovunque, soprattutto in gara”.

“In gara è dove dobbiamo concentrarci davvero, per capire cosa stiamo facendo con questa macchina e con questi pneumatici, che non ci permettono di competere in gara al livello di Red Bull e McLaren in Brasile, per esempio. Oppure ad Austin, in circuiti in cui si vede chiaramente che non abbiamo il ritmo di gara”.

La lotta per il titolo con Red Bull

Ferrari ha concluso il 2023 al terzo posto nei costruttori, mettendo in mostra un’importante crescita sul finale di campionato che lascia ben sperare in vista della prossima stagione. Chiaramente, pensare di sfidare Red Bull per il titolo sarà impresa ardua, ma Sainz vuole essere fiducioso. 

“Deve essere il nostro obiettivo realistico. Se ci riusciremo? Solo il tempo potrà dirlo. Voglio che la squadra pensi che sia possibile, perché io credo che lo sia. Inoltre, se la McLaren è stata in grado di fare questi passi durante la stagione, sono perfettamente fiducioso che la Ferrari possa farlo durante la pausa invernale”.

“Mi fido di questa squadra. Mi fido della capacità che abbiamo in casa di ribaltare la situazione. Ci sono ancora circuiti in cui siamo in pole di 3 decimi rispetto alla Red Bull. È solo una caratteristica specifica della vettura che è davvero buona. Dobbiamo solo renderla una macchina completa”, conclude il madrileno.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter