Formula 1Interviste F1

F1 | Sanchez, subito una nuova scuderia dopo l’addio lampo a McLaren?

Dopo la separazione consensuale con McLaren dopo soli 3 mesi, David Sanchez potrebbe presto ripartire da una nuova avventura

Sanchez Alpine
Sanchez, subito l’approdo in Alpine dopo l’addio lampo a McLaren?  Scuderia Ferrari

La carriera di David Sanchez in Formula 1 nell’ultimo anno può essere definita come una vera e propria montagna russa. Dopo aver rispettato il periodo di gardening in seguito all’addio alla Ferrari nei primi mesi del 2023, il tecnico francese aveva sposato il progetto McLaren, venendo ingaggiato nel ruolo di Technical Director, Car Concept & Performance.

Sanchez riparte da Alpine?

Tuttavia, la sua avventura a Woking è durata soltanto tre mesi, con McLaren che ha preferito optare per una separazione consensuale per permettere al tecnico di accasarsi in una nuova squadra il prima possibile.

Tale scuderia, secondo quanto riportato da autosport-web, potrebbe essere Alpine. La nota testata giapponese ha infatti parlato di un Sanchez che sarebbe vicino al trasferimento a Enstone, con la scuderia francese che ha subito profonde modifiche sul fronte dello staff tecnico negli ultimi mesi.

A differenza del ruolo ricoperto in McLaren, Sanchez si unirebbe ad Alpine come Chief Technical Officer, andando quindi a riempire il vuoto lasciato da Pat Fry, che aveva fatto le valigie insieme al team principal Otmar Szafnauer e al direttore sportivo Alan Permane la scorsa estate.


Leggi anche: F1 | Si riapre il caso Horner: ulteriori interrogatori imminenti con un nuovo avvocato


Per il francese si tratterebbe di un ritorno a Enstone, avendo mosso i primi passi in Formula 1 proprio in Renault nel 2005 come aerodinamico, per poi intraprendere una lunghissima trafila in McLaren prima, e Ferrari poi.

Gli addii precedentemente menzionati non sono stati gli unici, con anche Matt Harman e Dirk De Beer, rispettivamente direttore tecnico e capo dell’aerodinamica, che hanno pagato lo scotto di un inizio di stagione disastroso per la scuderia francese, che si ritrova ultimissima nel mondiale costruttori e con una A524 decisamente deficitaria rispetto alle vetture rivali.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter