Formula 1Interviste F1News Formula 1

F1 | Red Bull vince ma non convince: Marko sottolinea il vero fattore chiave della vittoria in Canada

Helmut Marko ha esaltato ancora una volta la prova di Max Verstappen nel GP del Canada, che ha permesso a Red Bull di avere la meglio su McLaren e Mercedes

Nonostante la superiorità di McLaren e Mercedes nello scorso weekend in Canada, è stato ancora una volta Max Verstappen ad avere la meglio e a strappare la vittoria, aiutato anche dall’ingresso della prima Safety Car che ha tagliato di fatto le gambe a Lando Norris, facendogli perdere tutto il gap accumulato a inizio gara.

Marko Verstappen GP Canada
Red Bull vince a fatica il GP del Canada: Marko esalta ancora una volta Verstappen © Motorsport week

Verstappen tiene a galla la Red Bull

Anche questa volta, il ”Max factor” si è rivelato decisivo nel permettere alla Red Bull di ottenere la sesta vittoria stagionale, tutte ovviamente ottenute dal fuoriclasse olandese, nel mentre il suo compagno di squadra arrancava nelle retrovie dopo la seconda eliminazione consecutiva in Q1 al Sabato.

Analizzando la performance del numero 1 nel suo consueto editoriale per speedweek.com, Helmut Marko ha commentato:‘Vittoria a Montreal grazie al fattore Verstappen, come mi piace chiamarlo. Ancora una volta, le qualità speciali di Max sono state il fattore decisivo per la vittoria di una gara che molti altri piloti probabilmente non avrebbero vinto”.

”È iniziata venerdì, quando abbiamo avuto un guasto all’MGU-K della vettura di Max. Ciò significa che la sua seconda sessione di libere è stata un fallimento completo, ma ha mantenuto i nervi saldi in questa situazione”.

”Ha poi continuato a lavorare in modo costruttivo e tranquillo il sabato, con un’auto che non era assolutamente in grado di vincere il venerdì. Ciononostante, Max e il suo team sono riusciti ad arrivare in prima fila, insieme all’autore della pole George Russell”.

”In gara, Max ha gestito il suo ritmo in modo magistrale. Ha sempre mostrato un istinto straordinario per l’andamento della gara e ha spinto nei momenti giusti. L’esempio migliore è la situazione che si è creata dopo la sosta degli pneumatici, quando ha staccato con decisione Lando Norris, in modo che non avesse l’opportunità di aprire il DRS per attaccare. Alla fine, questo è stato il fattore decisivo”.


Leggi anche: F1 | “Se Newey scegliesse Mercedes, Verstappen lo raggiungerebbe in tempo zero”


Infine, l’austriaco ha analizzato la performance dei rivali, con Ferrari spettatrice della gara e mai nella lotta per le prime posizioni:La McLaren è stata forte in Canada come nei precedenti weekend del GP. Mercedes è stata più forte, ma la Ferrari è stata più debole”.

”Questo andamento altalenante può essere spiegato dalla vettura e dal tracciato specifici, ma anche da chi è più bravo a portare gli pneumatici nella migliore finestra nel rispettivo fine settimana e in condizioni di pista molto particolari”.

”Questa situazione è un grande vantaggio per noi, perché gli inseguitori si sostituiscono continuamente. Non abbiamo un solo avversario, ma tre, che si stanno strappando punti a vicenda. Spero che le cose rimangano così”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter