Formula 1Interviste F1News Formula 1

F1 | Ricciardo-Villenueve, atto finale: “I ragazzini ti ascoltano, non puoi prenderla sul personale”

Dopo gli screzi degli scorsi giorni, Jacques Villenueve ha avuto ancora una volta da ridire su Daniel Ricciardo al termine del GP del Canada

Dopo il fantastico quinto posto ottenuto in qualifica a meno di due decimi dalla pole position, Daniel Ricciardo è riuscito a convertire quanto di buono fatto al Sabato in un’ottima ottava posizione in gara, approfittando anche del ritiro delle due Ferrari per portare a casa quattro preziosi punti e salire in dodicesima posizione nel mondiale piloti.

Villenueve Ricciardo GP Canada
Villenueve ha avuto ancora una volta da ridire su Ricciardo al termine del GP del Canada © EPA

Lotta senza esclusione di colpi

Oltre all’ottima performance in pista, l’australiano si è reso anche protagonista di un interessante botta e risposta a distanza con Jacques Villenueve, presente nel paddock per assistere alla gara di casa, con il canadese che aveva inizialmente invitato Ricciardo a lasciare la Formula 1 e a lasciar spazio a piloti più meritevoli. 

Daniel si è poi tolto qualche sassolino dalla scarpa a fine qualifiche, replicando a Villenueve: ”Deve aver sbattuto la testa troppe volte, non so se gioca a hockey o qualcosa di simile. Non voglio farlo diventare la star del giorno ma tutte queste persone devo andare a farsi fott**e. Vorrei aggiungere altro ma lo terrò per me”.

Terminata la gara, il campione del mondo 1997 ha avuto ancora da ridire sulle parole utilizzate dal 34enne di Perth: “La sua reazione è stata un po’ personale e lui è un modello da seguire. Come tutti questi 20, sei al massimo livello, devi essere responsabile nelle tue risposte, professionale”.

“I ragazzini ti ascoltano. Non puoi prenderla sul personale. Sono felice di aver imparato che mi sono messo al tappeto troppo spesso giocando a hockey su ghiaccio. Ma alla fine riceverai delle critiche, hai bisogno di una pelle spessa e io sono entrato nella sua pelle, Ciò ha migliorato la sua guida ma non basta, deve fare di più”.

E poi ha aggiunto: “La pressione è su di lui. Gli è stata messa molta pressione sulle spalle e ha funzionato. Ha fatto una buona gara Sprint a Miami, una buona qualifica, ma non è sufficiente per una stagione intera”.


Leggi anche: F1 | Profondo rosso a Montreal: Leclerc analizza i motivi del disastro nel GP del Canada


Alla domanda se fosse ancora convinto delle dichiarazioni del Venerdì, Villeneuve ha risposto:“Sì. È stato veloce, ma la qualità dei risultati è pari a quella degli ultimi risultati. Ha bisogno della stessa cosa per i prossimi weekend di gara”.

“Si trova in un momento molto delicato della sua carriera. È stato escluso da grandi squadre, ha trascorso del tempo fuori dalle corse e ha avuto degli infortuni”.

L’altro giorno ha anche detto: “Non ho più 20 anni e non ho più la stessa concentrazione. Devo essere molto concentrato su ciò che voglio fare e ci sono altre cose che possono impedirlo, quindi devo essere molto, molto concentrato su questo. Credo che questo weekend si sia visto, si sia visto davvero”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.