Formula 1Interviste F1

F1 | Aston Martin e l’offerta da capogiro a Newey: Krack prende posizione

Mike Krack ha risposto alle recenti voci di mercato che vedrebbero Aston Martin pronta a fare carte false per accaparrarsi Adrian Newey

Nel mentre la Formula 1 si concentra sul quarto weekend stagionale sulla pista di Suzuka, il mercato sia dei piloti che tecnici continua lentamente a muoversi.

Secondo indiscrezioni degli scorsi giorni, infatti, Aston Martin avrebbe deciso di fare carte false per Adrian Newey, con Lawrence Stroll che avrebbe messo addirittura sul piatto cifre paragonabili a quelle dei top drivers pur di portare il progettista inglese alla corte di Silverstone.

Aston Martin Newey
Newey e l’offerta faraonica da Aston Martin: Krack prende posizione © PlanetF1

La trattativa sarebbe nata in gran segreto in un hotel a Jeddah durante il weekend di gara, con Newey che, anche alla luce dei recenti scombussolamenti in Red Bull, potrebbe prendere la decisione di lasciare la scuderia di Milton Keynes, per trasferirsi solamente di 30km a nord-ovest, con Aston Martin pronta ad accogliere Honda dal 2026. 

Interpellato sui rumors di mercato, Mike Krack ha però smentito l’interesse della scuderia inglese nei confronti del 65enne di Colchester, almeno per il momento:Abbiamo un team tecnico molto forte con Dan Fallows, Tom McCollough, direttore delle prestazioni e Luca Furbatto”.

“Ultimamente si è aggiunto anche Bob Bell (dall’Alpine n.d.r). Quindi siamo abbastanza soddisfatti di ciò che abbiamo al momento”.

Lo stesso Fernando Alonso, anch’egli fortemente al centro di rumors di mercato, ha sottolineato l’ambizione del progetto Aston Martin: “Non c’è nessun’altra squadra nel paddock con l’ambizione e i piani per il futuro che ha Aston”.


Leggi anche: F1 | Hamilton soddisfatto dopo la prima giornata a Suzuka: “un buon venerdì”


”Allo stesso tempo è necessario raggiungere gli obiettivi e ottenere i risultati. Questa squadra era nuova due anni fa. Ha raddoppiato più o meno il numero di persone che lavorano nel paddock. Si trovavano nel vecchio edificio della Jordan, ora si trovano in uno stabilimento super moderno”.

”L’anno scorso avevamo un’auto molto veloce. Dobbiamo imparare molte lezioni fuori dalla pista su come sviluppare l’auto per essere all’altezza dei top team”.

Dopo aver saltato la trasferta di Melbourne, Newey è tornato ad occupare il proprio ruolo al muretto Red Bull, ma almeno per ora non ha rilasciato alcuna dichiarazione legata al proprio futuro.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter