Formula 1Interviste F1News Formula 1

Prima fila scaccia-critiche: Leclerc si toglie qualche sassolino dalle scarpe – GP Miami F1

Il capolavoro di Leclerc nelle qualifiche sprint di F1 a Miami permette a Charles di togliersi qualche sassolino dalle scarpe.

Reduce da alcune qualifiche poco brillanti, Charles Leclerc si redime nella SQ3 di Miami: il ferrarista coglie l’occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe.

f1 leclerc ferrari qualifiche miami miamgp formula uno verstappen risultati
Foto: F1inGenerale.com – Foto Copertina: F1inGenerale.com

In terra nipponica non era andato oltre un anonimo ottavo posto, in Cina la situazione non era variata di molto. Charles Leclerc alla tappa di F1 a Miami è arrivato con la voglia di migliorare le proprie performance sul giro secco.

La Ferrari non ha brillato in avvio di stagione per abilità sul giro di qualifica e nelle ultime uscite Leclerc non era per nulla riuscito a mitigare questa mancanza della SF-24. Il pilota della Ferrari aveva bisogno di una scossa in Florida, la quale tuttavia sembrava essere piuttosto lontana nell’unica sessione di prove libere.

Pronti, via. Nelle FP1 di Miami la Ferrari di Leclerc è subito fuori dai giochi. Testacoda in curva 16, frizione surriscaldata, ripartenza negata. Charles va in qualifica senza neanche un giro lanciato in archivio: “È un weekend molto difficile. Ho fatto solo un giro nelle prove libere, poi sono dovuto andare subito a spingere al massimo in qualifica.”


Leggi anche: Vasseur papa con Hamilton e Newey: “Lo porterai davvero in Ferrari?”


L’aspetto positivo Leclerc lo ritrova in una monoposto a proprio agio: “Ho trovato però subito il feeling. Il duro lavoro svolto per mettere gli pneumatici nella giusta finestra di temperatura ha dato i propri frutti.”

Poi lo sfogo: “Sono contento: in questo sport vieni ricordato sempre e solo per quanto hai fatto nelle ultime gare, ha dichiarato il monegasco. “Ovviamente quando vai male in qualifica per due weekend di fila la gente inizia a parlare… È bello mettere a tacere le voci”, ha proseguito il #16.

Ora l’obiettivo è un altro, e si chiama “costanza”. Il ferrarista è stato chiaro: Dobbiamo lavorare sulla costanza, per stabilizzarci su queste prestazioni e riuscire a portare le gomme nella giusta temperatura con continuità come abbiamo fatto in passato.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter