Formula 1Interviste F1News Formula 1

F1 | Antonelli, Villenueve parecchio scettico sulla possibile promozione diretta in Mercedes

Secondo Jacques Villenueve, Kimi Antonelli non avrebbe ancora dimostrato di meritare un sedile prestigioso in Formula 1 come quello Mercedes

Nonostante Kimi Antonelli sembri ormai l’erede designato a colmare la pesante eredità di Lewis Hamilton in Mercedes, non tutti nel paddock sono d’accordo con la scelta di promuovere il giovane talento italiano direttamente in un top team, che inevitabilmente comporta delle pressioni e delle aspettative decisamente diverse rispetto a una scuderia di bassa classifica.

Villenueve Antonelli Mercedes
Villenueve si è detto scettico sulla promozione diretta di Antonelli in Mercedes © PREMA

Una promozione troppo affrettata?

Per mesi si è infatti parlato di un possibile ingresso in Formula 1 più ”soft” per il bolognese, con i piani iniziali che prevedevano un anno di apprendistato in Williams nel 2025, per poi compiere il grande salto alla corte di Brackley la stagione seguente, anno in cui debutteranno i nuovi regolamenti tecnici, che rimescoleranno ancora una volta i valori di forza a cui ci siamo abituati negli ultimi anni.

L’italiano ha già dovuto superare una prova parecchio ostica, saltando la F3 e debuttando direttamente in F2 come campione del mondo della Formula Regional a soli 17 anni.

Complice anche i tanti problemi riscontrati da PREMA in questa stagione, i risultati, almeno finora, non sono stati di certo entusiasmanti. Dopo sei round, infatti, Kimi si ritrova nono in classifica con 48 punti e con un quarto posto come miglior risultato ottenuto, senza aver nemmeno mai messo a referto una pole position.

Non se la passa sicuramente meglio il compagno di squadra Oliver Bearman, ormai a un passo dalla firma con Haas, che occupa invece la diciassettesima piazza con ben 30 punti in meno rispetto al numero 4, anche se nella valutazione va tenuto ovviamente in considerazione il forfait nel weekend di Jeddah.

Uno dei più scettici sulla promozione diretta di Antonelli in Mercedes è Jacques Villenueve, il quale, ospite di Hammer Time Live, ha espresso non poche perplessità a riguardo: ”Non ha ancora ottenuto un podio in Formula 2. Non ci sono i risultati. Solo perché Mercedes afferma che è fantastico non vuol dire che lo sia”.

”Servono i risultati. Con i social si è creata questa immagine di Antonelli, come se fosse un cinque volte Campione del Mondo, ma non lo è. Il potenziale lo ha, ma il suo vero livello di talento non lo conosciamo”.


Leggi anche: Pillole di F1 | Dall’addio di Sargeant al caso Hamilton: le notizie di oggi Martedì 25 Giugno


Wolff avrebbe potuto ingaggiare Verstappen quando aveva 17 anni, invece non lo hanno voluto e lo ha preso la Red Bull. Questo fatto non è stato digerito da Toto”.

”In tutti questi anni ha sempre cercato quel pilota di 12 anni dandogli sia un budget che la possibilità di lavorare al simulatore. Questo è un aiuto che offre un vantaggio enorme nelle piccole categorie, però non è un vantaggio che puoi avere in F1, perché lì vengono tutti trattati così. Una volta che arrivi al top devi dimostrare di essere allo stesso livello o migliore senza questi aiuti”.

Secondo il canadese, quindi, Wolff non starebbe facendo altro che tentare di creare un nuovo Verstappen in casa, dopo esserselo lasciato sfuggire nel 2014: ”Wolff vuole dimostrare come lui possa veramente trovare il prossimo Verstappen, avere il pilota più giovane nella storia della Formula 1 o il Campione del Mondo più giovane. Sta proprio cercando di creare questo con Antonelli”.

Il manager di Vienna, nonostante sia uscito allo scoperto dichiarando di voler puntare forte su Kimi, non si è detto particolarmente frettoloso di ufficializzare l’accordo: “Vogliamo passare a una generazione completamente nuova. Penso che potremmo prendere una decisione a Novembre”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.