Formula 1Interviste F1

F1 | Verstappen imprendibile, ma si teme uno scenario ancor più preoccupante

Johnny Herbert è convinto che Max Verstappen non abbia ancora messo in mostra tutto il suo potenziale e quello della RB20

Nonostante la netta superiorità nei primi due gran premi della stagione, Max Verstappen potrebbe aver corso ancora con il freno a mano tirato, secondo Johnny Herbert. L’ex pilota britannico è infatti convinto che il fuoriclasse olandese non abbia ancora messo in mostra tutto il suo potenziale e quello della RB20, in quanto il gap rispetto ai rivali diretti è stato talmente ampio da potergli permettere di gestire il passo.

Herbert Verstappen
Herbert è convinto che Verstappen non abbia ancora messo in mostra tutto il suo potenziale © LAT

Quanto ha ancora in tasca Verstappen?

”La mia unica preoccupazione è che non credo che abbiamo visto il meglio di Max in questa stagione, perché non ha bisogno di mostrarlo”, esordisce Herbert a RacingNews365. “È questa la preoccupazione, che abbia ancora qualcosa nella tasca posteriore per poter dire: ‘Ok, pensi di essere più vicino? Ci sono un altro paio di decimi”.

Ciò, secondo il britannico, dovrebbe far temere in primis Ferrari, che nelle prime due uscite stagionali ha dimostrato di essere la seconda forza: “Credo che questa sia probabilmente l’unica cosa che creerà qualche grattacapo in più a Charles e alla Ferrari, e per quando Carlos tornerà. Max è così a suo agio in macchina e sono in totale armonia tra loro”.

“È ancora una cosa molto rara vedere qualcuno così a proprio agio nella guida della vettura, e comunque non abbiamo ancora visto il meglio di Max. So che si è parlato del vantaggio che ha Red Bull e tutti i team hanno detto: “Beh, hanno fatto un lavoro migliore”. È proprio questo il punto: hanno fatto un lavoro molto più intelligente di tutti gli altri”.

Ciononostante, Herbert ritiene che la scuderia di Maranello abbia i mezzi per poter competere: ”In Ferrari ci sono persone intelligenti che credo possano competere. Se possono competere per il campionato? Questa è probabilmente la domanda più grande, ma non sono sicuro che saranno in grado di farlo abbastanza velocemente da impedire a Max di vincere un altro campionato”.


Leggi anche: F1 | “Non vogliamo essere quello sport”: il CEO della Formula E torna a sparare a zero


Se in qualifica la rossa ha dimostrato di poter tenere il passo delle due Red Bull, è in gara dove la forbice è ancora troppo ampia: “Il problema per Ferrari è la gara. Sono almeno più in forma rispetto a prima, perché il degrado degli pneumatici è decisamente sotto controllo. In pratica possono spingere per tutta la gara, quindi questo è positivo”.

“Si tratterà comunque della classica situazione in cui gli aggiornamenti che arriveranno dovranno avere un impatto, per migliorare la Ferrari, ovviamente, ma anche per avvicinarsi e mettere sotto pressione Max e la Red Bull”.

“Allo stesso modo, Red Bull farà cose molto simili, ma si tratta di capire chi può fare un lavoro migliore. La Ferrari dovrebbe essere in grado di farlo solo perché la Red Bull è comunque in vantaggio e in testa al gruppo”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter