A TCFormula 1

UFFICIALE – Liberty Media completa l’acquisizione della MotoGP: i dettagli

Dopo l’anticipazione degli scorsi giorni, Liberty Media ha ora ufficialmente completato l’acquisizione dei diritti commerciali della MotoGP per una cifra pari a 4.2 miliardi di euro

La notizia era già nell’aria da giorni ma adesso è ufficiale: la MotoGP passa nelle mani di Liberty Media, con la compagnia che fa capo a Greg Maffei che, dopo aver vinto la concorrenza di TKO e di Qatar Sports Investments, deterrà quindi i diritti commerciali delle massime categorie a due e a quattro ruote.

Un’operazione mastodontica, con Liberty Media che acquisisce l’86% delle azioni di Dorna, mentre il management della MotoGP preserverà il restante 14%. Le partecipazioni di quest’ultima erano in precedenza detenute dagli inglesi di Bridgepoint e dal fondo pensionistico canadese CPPIB.

Liberty Media MotoGP
UFFICIALE: Liberty Media completa l’acquisizione della MotoGP: i dettagli © MotoGP

Inizia l’era Liberty Media anche in MotoGP

”Liberty Media acquisirà circa l’86% di Dorna, mentre il management di Dorna manterrà circa il 14% del proprio capitale sociale”, si legge nel comunicato combinato pubblicato pochi minuti fa sia da MotoGP che da Liberty.

”La transazione riflette un valore d’impresa per Dorna/MotoGP™ di 4,2 miliardi di euro e un valore azionario di 3,5 miliardi di euro, con il debito esistente della MotoGP che dovrebbe rimanere in vigore dopo la chiusura”.

“Siamo entusiasti di ampliare il nostro portafoglio di attività di sport e intrattenimento dal vivo con l’acquisizione della MotoGP”, ha dichiarato Maffei. “La MotoGP è un campionato globale con una base di fan fedeli ed entusiasti, gare avvincenti e un profilo finanziario altamente generativo”.

”Carmelo (Ezpeleta n.d.r) e il suo team hanno costruito un grande spettacolo sportivo che possiamo espandere a un pubblico globale più ampio. L’attività ha un notevole potenziale e intendiamo far crescere questo sport per i fan della MotoGP, per i team, per i partner commerciali e per i nostri azionisti”.


Leggi anche: F1 | Caso Horner, l’avvocato dell’indagine è lo stesso della famiglia Yoovidhya?


Anche Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, ha commentato: “Questo è il passo successivo perfetto nell’evoluzione della MotoGP. Siamo entusiasti di ciò che questa pietra miliare porterà a Dorna, al paddock della MotoGP e ai fan delle corse”.

“Siamo orgogliosi dello sport globale che abbiamo fatto crescere. Questa transazione testimonia il valore di questo sport e il suo potenziale di crescita. Liberty ha un’incredibile esperienza nello sviluppo di asset sportivi. Non potremmo desiderare un partner migliore per espandere la fanbase della MotoGP in tutto il mondo”.

Dal 1994 ad oggi, Dorna ha detenuto i diritti commerciali non soltanto della MotoGP, ma anche di Moto2, Moto3, MotoE e Superbike, oltre alla recente FIM Women’s Circuit Racing World Championship.

Ezpeleta continuerà a mantenere il ruolo di CEO dell’azienda spagnola, con l’acquisizione che verrà completata (salvo opposizioni da parte dell’antitrust come accaduto in passato) entro la fine del 2024.

Nella scorsa stagione, Dorna Sports ha generato un fatturato di 474.8 milioni di euro, contro i 3.2 miliardi generati dal precedente campionato di Formula 1, con un aumento dell’utile operativo del 64% rispetto al 2023.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter