A TCFormula 1Interviste F1

F1 | GP Singapore: Verstappen si chiama fuori dalla lotta alla vittoria: la striscia si fermerà a dieci?

Max Verstappen ha commentato le shockanti qualifiche di Singapore per lui e per Red Bull, che lo hanno visto eliminato in Q2, e con il forte rischio di ricevere una penalità in griglia per aver fatto impeding diverse volte.

Max Verstappen ha commentato le shockanti qualifiche di Singapore per lui e per Red Bull, che lo hanno visto eliminato in Q2, e con il forte rischio di ricevere una penalità in griglia per aver fatto impeding diverse volte. Al netto di eventuali sanzioni, il fuoriclasse olandese sarà costretto a partire da un’anonima undicesima posizione, appena davanti al compagno di squadra Sergio Perez, anche lui eliminato nel secondo taglio per un testacoda all’ultimo tentativo.

Verstappen qualifiche Singapore
Verstappen commenta la clamorosa esclusione in Q2 nelle qualifiche di Singapore © RB Content Pool

Verstappen commenta la clamorosa esclusione in Q2 nelle qualifiche di Singapore

“Vincere domani? Potete scordarvelo’‘, ha dichiarato Max ai media al termine delle qualifiche a Marina Bay. ”In generale, di solito la nostra vettura è sempre migliore per quanto riguarda il degrado gomme, forse rispetto a chi ci sta intorno. Ma non credo che questo conti molto a Singapore, dove è molto difficile passare”.

“Bisogna essere più veloci di un secondo e mezzo, due, tre secondi. Noi non lo siamo chiaramente, anche adesso con le prestazioni e il bilanciamento della macchina che abbiamo. Sarà un lungo pomeriggio molto difficile”.

Nonostante i passi avanti di questa mattina, il miglioramento non è stato sufficiente per l’olandese per permettergli di agguantare la pole position: “Penso che questa mattina le FP3 siano andate meglio. Abbiamo fatto dei buoni progressi”.

”Naturalmente, non era ancora al punto in cui volevamo che fosse. Sembrava ci fosse qualcosa di buono. Ma poi abbiamo fatto qualche altra modifica, che pensavamo fosse consentita dall’assetto e dalla vettura. Abbiamo iniziato le qualifiche e il primo grande problema che ho avuto è stato che non potevo frenare tardi e forte, perché avrei toccato il fondo e avrei scaricato le gomme anteriori.


Leggi anche: F1 | Un solo risultato per Sainz domani: detronizzare Red Bull e vincere il GP di Singapore


”Sui circuiti cittadini, questo è un aspetto molto importante: avere fiducia nei freni e attaccare le curve. Non ci sono riuscito. Oltre a questo, anche le curve a bassa velocità, dove credo che abbiamo già faticato per tutto il weekend”.

A contribuire alla giornata horror per il team di Milton Keynes ci ha pensato anche Sergio Perez, il quale non ha nemmeno potuto provare a buttarla dentro in Q3 a causa di un banale testacoda in curva 1. L’eliminazione dei due tori mette fine ad un record storico: non succedeva infatti dal GP di Russia del 2018 che entrambe le Red Bull non si qualificassero per la top 10.

Sia Verstappen che Perez saranno chiamati dunque ad una furiosa rimonta domani, per mantenere viva la striscia di quattoridici vittorie su quattorici di Red Bull quest’anno. Tuttavia, visti i problemi riscontrati sulla RB19 per tutto il weekend e la difficoltà nel sorpassare su questa pista lo renderà un compito molto difficile.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter