A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Verstappen ringrazia Lambiase per non essere “un ingegnere di pista monotono”

Max Verstappen ha parlato del suo ”focoso” rapporto con Gianpiero Lambiase, con i due che si apprestano ad iniziare la nona stagione assieme in Red Bull

Anche un fuoriclasse assoluto come Max Verstappen, ogni tanto, ha bisogno di qualcuno che sappia motivarlo nel modo corretto e sappia tirare fuori il suo 100%. Dal 2016, anno di debutto in Red Bull del pilota olandese, ad oggi, l’utilità di Gianpiero Lambiase è andata ben oltre quella del semplice ingegnere di pista, con il tecnico di origini italiane che si è rivelato, di fatto, un vero e proprio mental coach, soprattutto nei momenti più concitati.

Verstappen rapporto Lambiase
Verstappen ha parlato del suo rapporto ”focoso” con Gianpiero Lambiase © Getty Images

Verstappen-Lambiase, la coppia perfetta

“È così che funziona il rapporto”, ha spiegato Verstappen in un’intervista concessa a motorsport. “Sarei molto, non arrabbiato, ma non vorrei avere un ingegnere molto monotono o che dice solo ‘copy… controlla questo”.

”Ci vuole un po’ di fuoco. È così che mi piace lavorare. Ma questo è il nostro rapporto. Siamo molto diretti e se qualcosa non ci piace, ovviamente lo comunichiamo”.

Soprattutto in questa stagione, nonostante Max abbia guidato sostanzialmente con la pipa in bocca nella maggior parte dei casi, i due hanno avuto il maggior numero di screzi. Indimenticabile è l’acceso botta e risposta in Belgio, con Verstappen arrabbiatissimo per essere quasi rimasto fuori in Q2. 

“È anche un po’ colpa della F1 per il fatto che i messaggi ricevono così tanta attenzione, perché trasmettono tutto solo per darlo in pasto agli spettatori”, ha aggiunto l’olandese, accusando la FOM di spettacolarizzare le comunicazioni radio.


Leggi anche: F1 | Cos’è IHANA: il nuovo business lanciato da Valtteri Bottas


“Non hanno bisogno di trasmetterli. Quindi, credo che anche a loro piaccia che la tensione venga fuori. Il nostro rapporto non è mai cambiato in questo senso. Anche dopo la gara, siamo assolutamente a posto perché, ovviamente, siamo lì per vincere”.

Un altro acceso diverbio tra Verstappen e Lambiase è andato in scena in Texas, con Max visibilmente indispettito dai commenti del suo ingegnere di pista, nel mentre era alle prese con un problema ai freni: “Ad Austin non ero contento di quello che stava succedendo. Avevo bisogno di concentrarmi al massimo sulla frenata per essere costante”.

“Ma è bene che gli altri piloti la pensino così”, ha aggiunto infine Max, commentando lo sfottò di Hamilton post GP di Silverstone. ”Per me, invece, non sono mai… Beh, anche se sono sotto pressione non commetto comunque errori. Quindi, va bene così”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter