Formula 1Interviste F1

F1 | Non solo Verstappen: Wolff prepara l’assalto anche a Helmut Marko

Nel caos generale che sta investendo Red Bull, e che potrebbe spingere Max Verstappen verso Mercedes in vista del 2025, Toto Wolff prepara l’assalto anche a Helmut Marko

In Red Bull ormai vige l’anarchia più totale. Quella che era una vicenda che sembrava riguardare unicamente Christian Horner si è tramutata rapidamente in un thriller per il team di Milton Keynes, con effetti a cascata che potrebbero portare all’addio di molte delle figure principali ai vertici della scuderia.

Wolff Marko Mercedes
Non solo Verstappen in Mercedes: Wolff prepara l’assalto anche a Helmut Marko © XBP Images

L’indiscrezione emersa nelle ultime ore ha del clamoroso, ma quanto si legge tra le righe nelle parole di Toto Wolff sarebbe ancor più surreale: non solo Max Verstappen potrebbe salutare la compagine anglo-austriaca, direzione Milton Keynes, ma anche Helmut Marko, qualora il suo allontanamento dovesse divenire ufficiale, potrebbe percorrere il medesimo sentiero. 

“Se Red Bull perdesse Helmut, sarebbe certamente una perdita per la Red Bull e per la squadra”, ha commentato il team principal delle frecce d’argento ai connazionali di ORF. “Helmut era, ed è il nostro nemico preferito, ma è un vero racer”.

“Se esiste davvero una clausola pro-Marko che libererebbe Verstappen? Non lo so, ma noi non abbiamo una figura come quella di Marko dai tempi di Lauda. Anche se Helmut non ha il cappellino rosso, le porte di Mercedes per lui sono aperte”.

Parole emblematiche e certamente non casuali quelle di Wolff, che dal Bahrain ha intrapreso una partita a scacchi con i vertici di Milton Keynes, dopo essersi fatto immortalare a colloqui con Jon Verstappen nel  paddock di Sakhir.

“Abbiamo un sedile disponibile, nel 2025 e nel 2026, ma Max guiderà ovunque ci sia la macchina più veloce, e oggi quella è la Red Bull”, ha aggiunto Wolff.


Leggi anche: F1 | Il caso Horner fa implodere Red Bull: ai titoli di coda l’avventura di Helmut Marko


“Ci parliamo da dieci anni, da quando è entrato in Formula 1. Ho un buon rapporto con Jos e anche con Max. Questo però non significa che nel breve termine si possa assistere a un cambiamento sul piano professionale”.

In questo intricatissimo caso, l’unico che paradossalmente sembrerebbe avere il maggior numero di chance di essere confermato nel suo ruolo è proprio Christian Horner, che può contare sul forte appoggio della proprietà thailandese. 

Red Bull ha imposto a Marko il divieto assoluto di rilasciare dichiarazioni ai media in merito, con Max Verstappen che ha reiterato ancora una volta la sua lealtà verso colui che gli ha permesso di debuttare in Formula 1 e di passare in Red Bull a soli 18 anni.

Con tutta probabilità, dunque, il GP d’Arabia Saudita sarà l’ultimo con i colori Red Bull per il consulente austriaco, che a questo punto potrebbe accettare la corte di Toto Wolff e riformare quel tandem che tanto bene aveva funzionato con Niki Lauda. 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter