A TCFormula 1

Newey dice addio alla Red Bull: il rimpianto di Horner

Ora è ufficiale: Adrian Newey dice addio alla Red Bull dopo 20 anni, arrivano anche i saluti di Christian Horner

Christian Horner è il primo a salutare Adrian Newey dopo l’ufficialità dell’addio alla Red Bull. L’ingegnere inglese lascia la scuderia austriaca dopo 20 anni di collaborazione accanto proprio a Horner: insieme infatti hanno vinto ben 7 titoli mondiali piloti, prima con Sebastian Vettel, poi con Max Verstappen.

Nel comunicato ufficiale dell’addio, vengono riportate anche le dichiarazioni di Horner dal tono già nostalgico. Tanta la riconoscenza nei confronti dell’ingegnere che ha reso grande la Red Bull assieme al grande contributo del compianto Dietrich Mateschitz.

addio newey red bull horner
Adrian Newey e Christian Horner @Red Bull content pool

Tutti i nostri momenti più importanti degli ultimi 20 anni sono arrivati ​​con la mano di Adrian al timone tecnico. La sua visione e la sua genialità ci hanno aiutato a conquistare 13 titoli in 20 stagioni“. Iniziano così i saluti del team principal della Red Bull.


Leggi anche: È la fine dell’era Newey in Red Bull: l’inglese spiega le motivazioni dell’addio


La sua eccezionale capacità di concettualizzare oltre la F1 e di portare un’ispirazione più ampia per la progettazione delle auto da Gran Premio è stato un grande punto di forza. Il suo straordinario talento nell’accettare il cambiamento e nel trovare le aree delle regole più gratificanti su cui concentrarsi e la sua incessante volontà di vincere hanno aiutato la Red Bull“.

Correre per diventare una forza più grande di quanto, penso, anche il defunto Dietrich Mateschitz avrebbe potuto immaginare. Inoltre, gli ultimi 19 anni con Adrian sono stati enormemente divertenti. Per me, quando Adrian si è unito alla Red Bull, era già una grandissima personalità. Due decenni e 13 campionati dopo se ne va come una vera leggenda“.

È anche mio amico e qualcuno a cui sarò eternamente grato per tutto ciò che ha portato alla nostra partnership. L’eredità che lascia echeggerà nelle sale di Milton Keynes e la RB17 Track Car sarà un’adeguata testimonianza ed eredità del tempo trascorso con noi” conclude poi Horner.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter