Formula 1News Formula 1

Caos a Monaco, perché Sainz è ripartito terzo dopo la Red Flag?

Caos al via del GP di Monaco e red flag immediata, poi i soliti dubbi sull’ordine di ripartenza: perché Sainz è ripartito terzo nonostante la foratura?

Che confusione alla partenza del GP di Montecarlo! A Monaco la red flag è immediata e foraggia i dubbi sull’ordine di ripartenza: perché Sainz è ripartito terzo? Analizziamo la situazione e cosa dice il regolamento.

f1 monaco gara red flag ripartenza formula uno gran premio sainz ferrari montecarlo
Foto: ferrari.com – Copertina: ferrari.com

Cosa è successo al via del GP di Monaco 2024? La confusione è tanta nel corso del primo giro di corsa nel Principato. La prima curva passa liscia, ma poco più avanti si scatena il finimondo. Sainz tenta il sorpasso su Piastri ma il lieve contatto tra i due costringe allo spagnolo una foratura all’anteriore sinistra. Lo spagnolo si ferma poco più avanti all’esterno del Massenet, mentre alle sue spalle il caos è ancora maggiore.

Sì, caos ancora maggiore, perché a provocare la red flag non è Sainz, ma l’incidente tra Sergio Perez e Kevin Magnussen. Il danese si infila all’interno della Red Bull del messicano, la collisione è inevitabile ed i danni sono vistosi, con una moltitudine di detriti sull’asfalto. L’incidente avviene nel bel mezzo del primo settore, e questo salva Carlos Sainz.

La bandiera rossa è immediatamente sventolata dai commissari quando Leclerc sta uscendo dalla Nouvelle Chicane e l’ultima vettura “sana”, quella di Zhou, deve ancora completare il T1.

Red Flag e ripartenza: cosa dice il regolamento?

L’ordine di ripartenza dettato dai commissari è stato il seguente. Leclerc davanti a Piastri, Sainz, Norris, Russell, Verstappen, Hamilton, Tsunoda, Albon, Gasly, Ocon, Stroll, Ricciardo, Alonso, Sargeant, Bottas e Zhou.

Il regolamento sportivo 2024 della F1 spiega in ambito ripartenze: “In tutti i casi l’ordine di ripartenza sarà preso all’ultimo punto nel quale è possibile determinare la posizione di tutte le vetture.”

In questo caso l’ordine di ripartenza è stato ripreso, essendo la gara appena al primo giro, dalla classifica registrata appena prima dell’incidente che ha causato l’interruzione della corsa, quindi nell’ultimo punto in cui è stato possibile tracciare la posizione di tutte le auto in pista. Impossibilitata a prendere la classifica al Primo Settore, visti gli incidenti, i commissari hanno usato come indicatore la linea due di Safety Car. Le vetture sono ripartite in quell’ordine, meno le monoposto ritirate.

A giocare un importante ruolo in questa scelta sarebbe stata anche la vettura di Guanyu Zhou, l’unica non transitata al primo settore del primo giro prima della red flag. Il cinese, complice una non perfetta partenza, era infatti rimasto bloccato alle spalle del caos tra le Haas e la Red Bull di Perez, subendo anche il sorpasso della Medical Car accorsa sul luogo dell’incidente.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.