Formula 1News Formula 1

Cosa si nasconde dietro la crisi della Mercedes? Parla un ex meccanico

Un ex meccanico di F1 ha provato a spiegare perché in Mercedes si continuano a scegliere assetti “disperati” che stanno mettendo in crisi la squadra

La Mercedes è sempre più in crisi. Lo confermano le scelte “disperate” che continuano a portare a risultati mediocri e non all’altezza della scuderia che fino a qualche stagione fa ha dominato la Formula 1. A tal proposito, infatti, si è espresso un ex meccanico che ha provato a spiegare i motivi di scelte che continuano a rivelarsi sbagliate.

Durante il GP della Cina, Lewis Hamilton ha più volte lamentato di non riuscire a gestire la sua monoposto. Questo è segno di scelte sbagliate anche negli assetti che, tendenzialmente, tendono ad essere estremi e di difficile gestione da parte dei piloti.

crisi mercedes
Lewis Hamilton e Toto Wolff – Credits: Mercedes AMG Petronas F1 Team

L’ex meccanico di Mercedes, Marc Priestley, ha raccontato come stanno lavorando nella sua ex squadra che, ovviamente, conosce molto bene. In uno dei suoi video Youtube, infatti, ha provato a fare il punto della situazione cercando di analizzare il problema.


Leggi anche: Problemi con la power unit Red Bull? Horner e quel paragone con Ferrari


Prima di tutto, il vero problema, è che sono disperati. Hanno una macchina che non funziona e si vedono ogni volta costretti a fare delle scelte scomode che portano l’assetto agli estremi. Fanno fatica a ricavare prestazioni positive e non ne hanno il pieno controllo“.

Lewis, inoltre, è al suo ultimo anno con la squadra. Ovviamente vorrebbe ottenere qualche risultato dalla sua ultima annata con la scuderia che l’ha reso il pilota che conosciamo. Sa che non vincerà il campionato, ma vuole provare a sbloccare qualcosa che gli dia la possibilità di esibirsi” continua ancora Priesley.

Penso che proveranno un’enorme frustrazione, ma penso che gli piacerebbe davvero trovare un modo per trasformare quella macchina in una sorta di buon risultato. In più Hamilton, ora come ora, viene battuto costantemente da George Russell e se dici che farai qualche esperimento massiccio e scommetterai su cose come il set-up, ti allenterà un po’ la pressione, anche per dargli delle scuse a cui appellarsi“.

Riuscirà la Mercedes a riprendersi dal momento più buio degli ultimi 12 anni?

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter