A TCFormula 1News Formula 1

F1 | Basta “trenini” nei cittadini? Pirelli studia le gomme anti Monaco

Dopo quanto visto nel GP di Monaco, Pirelli è a lavoro per realizzare delle gomme da usare nei circuiti cittadini.

Nonostante il successo di Charles Leclerc, il GP di Monaco non è stato esente da critiche per il classico trenino visto in gara anche a causa delle gomme scelte da Pirelli per il weekend. Dopo la bandiera rossa del primo giro, causata dal grande incidente in cui è rimasto Sergio Perez, la maggior parte dei piloti infatti non è rientrata più ai box nel corso della gara.

gomme pirelli gp monaco
Dopo quanto visto nel GP di Monaco, Pirelli è a lavoro per realizzare delle gomme da usare nei circuiti cittadini – Foto: Antonio Spina per F1inGenerale

Sia chi ha deciso di montare la gomma dura che chi ha optato per la mescola media è stato in grado di arrivare fino in fondo. George Russell è riuscito a completare quasi ottanta giri sullo stesso treno di gomme gialle senza mai mettere a rischio la sua posizione nella lotta con Verstappen.

Pirelli corre ai ripari

Per evitare che in futuro si possa verificare una situazione del genere, Pirelli sta pensando a una C6 da utilizzare nei circuiti cittadini. “L’idea per il 2025 è quella di introdurre una nuova gomma C6, più morbida delle attuali, visto che nel calendario ci sono sempre più circuiti cittadini“, ha dichiarato Mario Isola.

Stiamo cercando di limitare il surriscaldamento senza compromettere quello che è il degrado. Si tratta di una sfida visto che le due cose sono collegate tra di loro“, ha poi aggiunto Isola.

L’obiettivo della Pirelli è quello di “costringere” i team a fare una sosta aggiuntiva anche su piste come quella del Principato. L’obiettivo ovviamente è quello di aumentare il livello di spettacolarità per migliorare l’esperienza dei milioni di tifosi che seguono le gare.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Fonte dell’immagine usata come copertina dell’articolo: Pirelli

1 commento

Giovanni 02/06/2024 at 13:01

Basta eliminare i circuiti cittadini che sono una bestemmia, non idonei per la F1 e il problema è risolto.

Risposta

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.