A TCFormula 1News Formula 1

F1 | Caso mail-Hamilton: la polizia fornisce un importante aggiornamento

“Mercedes sabota Hamilton”: così una mail anonima aveva scosso il paddock F1 a Barcellona, ora la polizia fornisce un importante aggiornamento.

Alla vigilia del weekend catalano una mail anonima si era diffusa all’interno del paddock di F1. Nel contenuto della lettera l’accusa era chiara nei confronti della Mercedes, colpevole – secondo l’accusatore – di sabotare Lewis Hamilton: nel martedì post-Barcellona la polizia inglese ha fornito un importante aggiornamento.

f1 mercedes mail hamilton polizia spagna austria wolff
Foto: F1inGenerale.com – Copertina: Mercedes – Mail-Hamilton, l’aggiornamento della polizia.

Dopo il caso legato a Christian Horner emerso nel mese di febbraio alla vigilia dell’avvio del mondiale, un altro simil polverone si è sollevato, questa volta nel mese di giugno, questa volta in casa Mercedes. Come avvenuto nella fattispecie del caso-Horner, nella chat di gruppo di alcuni addetti ai lavori della F1 è arrivata – in Spagna – una mail dura nei confronti del team di Toto Wolff.


Leggi anche: F1 | E-mail anonime e accuse di sabotaggio a Hamilton: durissima la replica di Wolff


L’accusatore, che si è curato di mantenere il proprio anonimato, ha puntato il dito contro la Mercedes colpevole, a suo dire, di sabotare attivamente Lewis Hamilton. Nel corso del weekend catalano il team principal Toto Wolff ha rigettato con fermezza le accuse. L’austriaco ha annunciato inoltre di aver riposto la questione nelle mani della polizia inglese.

A pochi giorni dalle parole di Toto Wolff, nella giornata del martedì post-Barcellona, arriva un importante update delle forze dell’ordine. A riportarle è la BBC.

“Il 12 giugno la polizia del Northamptonshire ha ricevuto una segnalazione relativa ad una mail diffusasi all’interno del team Mercedes”. Così ha affermato un portavoce delle autorità.Non è stato riscontrato alcun reato. Tuttavia, il team è stato istruito con alcuni consigli su eventuali ulteriori mail”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.