Formula 1News Formula 1

F1 | Emerge un clamoroso retroscena sul problema dietro il ritiro di Russell a Silverstone

Alcuni giorni dopo il GP di Silverstone, emerge un retroscena importante sul problema che ha causato il ritiro della Mercedes W15 di Russell.

Il sabato di Silverstone è stato di grande festa per la scuderia di Brackley che si è assicurata tutta la prima fila per la partenza del GP della domenica. La festa è proseguita anche dopo i circa 50 giri di gara, con Lewis Hamilton che è tornato alla vittoria dopo oltre 900 giorni. Tuttavia, il sorriso nel box Mercedes era a metà visto che è giunta una sola W15 al traguardo, con quella di Russell ritiratasi al 33° giro. Dopo alcuni giorni dal GP di Silverstone, emerge un importante retroscena legato al problema che ha causato il ritiro di Russell dalla gara di casa.

problema ritiro Mercedes Russell Silverstone W15 affidabilità power unit
Andrew Shovlin ha spiegato che il problema del ritiro di Russell era presenta già a inizio gara – @F1ingenerale

Andrew Shvolin, Performance Director della Mercedes, ha spiegato quelle che sono state le cause dietro il ritiro del pilota inglese dalla sua gara di casa. Pochi giri dopo il rientro ai box non previsto della W15 #63, sono emerse le prime motivazioni dietro l’uscita di scena. Mercedes stessa ha ammesso che la W15 di Russell ha accusato una perdita d’acqua dal sistema di raffreddamento della power unit. Consapevoli di questo problema, il team capitanato da Wolff si è trovato costretto a chiamare al box Russell per non incidere ulteriormente sulla vita della PU Mercedes.


Leggi anche: F1 | Ferrari e Mercedes afflitte dallo stesso problema, ma la W15 è rinata: ecco gli step del ritorno


“La scelta di ritirare la monoposto di Russell è stata difficile, ma vedevamo questo problema che non potevamo ignorare”, ha affermato Shovlin. “Eravamo a conoscenza del problema sin dalle prime fasi di gara, abbiamo quindi seguito l’evoluzione della situazione sin dal primo stint. Tuttavia, non sapevamo sarebbe stato un problema terminale, ma è tutto legato a una perdita del sistema dell’acqua che ha causato un calo della pressione. Alla fine, quando abbiamo fermato la macchina, è stato per proteggere la power unit. Quindi sapevamo che non avremmo mai finito la gara. Non è il caso di finire la gara e distruggere la power unit, per poi incorrere in una penalità nel corso dell’anno. Si trattava quindi di un intervento preventivo, ma non c’era modo di arrivare alla bandiera a scacchi”.

In Mercedes sfrutteranno sicuramente questo breve periodo di pausa per esaminare a fondo la PU di Russell e capire se è stata danneggiata da questo problema.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.