A TCFormula 1News Formula 1Risultati F1

F1 | Ferrari, cosa aspettarsi dopo le Prove Libere dell’Austria – Sintesi e Risultati FP1

Finite le Prove Libere 1 del GP d’Austria di F1, vediamo cosa aspettarci da Ferrari nel weekend – Sintesi e Risultati FP1

F1 – Sintesi e risultati FP1 in Austria, quali speranze per Ferrari? Se sul passo gara tutti i top team sembrano molto vicini, sul giro secco a dominare la scena è la Red Bull. Vediamo cos’è successo durante la prima e unica sessione di prova.

F1 | Ferrari, cosa aspettarsi dopo le Prove Libere dell'Austria - Sintesi e Risultati FP1
Charles Leclerc, terzo alla fine delle FP1 in Austria – F1inGenerale

Come da necessità in uno Sprint Weekend, tutti scendono rapidamente in pista. È fondamentale sfruttare il pochissimo tempo a disposizione per testare – e, nel caso, sistemare – il bilanciamento delle monoposto. Fra i top team, Red Bull è l’unica a girare inizialmente su gomme medie. Tutti gli altri – McLaren, Mercedes e Ferrari – puntano alle mescole più dure.

In particolare, McLaren sfrutterà questa sessione per eseguire delle prove comparative: la monoposto di Lando Norris monta l’ala vecchia della MCL38, mentre quella di Oscar Piastri monta un’ala anteriore nuova, con altri piccoli accorgimenti per la gestione dei flussi verso le sospensioni. Ferrari, dal canto suo, sembra non ancora sulla mappatura ideale: staccata dai leader, lamenta di molto de-rating.

Problemi per Max Verstappen

Dopo i primi venti minuti, è tempo delle prime modifiche al setup. Sergio Perez, per ora sui tempi di Max Verstappen, lamenta poca stabilità, segno che la RB20 non ha ancora trovato il bilanciamento ideale. Nel box della Ferrari si lavora su entrambe le monoposto: Charles Leclerc, nello specifico, lamenta poco grip alle basse velocità. Migliorata, intanto, la velocità di punta.


Leggi anche: F1 | Ferrari, Leclerc nega il trend negativo e spiega su cosa lavorare dopo Canada e Spagna


Proprio mentre stavamo per apprezzare delle simulazioni gara, scatta la bandiera rossa. A fermarsi sul rettilineo principale è Max Verstappen: l’olandese, che già è al limite con le Power Unit utilizzate, ha ricevuto una segnalazione sul volante, accostando a bordo pista. Basta un reset, però, per rimettere in moto la RB20 e far riprendere la sessione al #1.

Red Bull detta il passo

Nella simulazione gara, è difficile dare giudizi. È evidente che tutti i team stiano seguendo programmi diversi, ma quel che è certo è che Mercedes sembra apprezzare molto il tracciato austriaco. Molto bene anche Red Bull, con Max Verstappen che guida quasi su dei binari. Per quanto concerne Ferrari, i tempi sono in linea con quelli della W15, pur con qualcosa ancora da ottimizzare.

La simulazione qualifica vede Max Verstappen volare, imponendo subito un 1:05.685. Nulla da fare per George Russell e Lando Norris, il primo bloccato dal traffico, il secondo finito nella ghiaia in Curva 4. Più staccate le due Ferrari, che chiudono i propri giri lanciati a quattro decimi dalla Red Bull.

Risultati FP1

Seguici in Live Streaming su Twitch

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Foto Copertina: Scuderia Ferrari

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.