Analisi Telemetria F1F1 AnalisiFormula 1News Formula 1

F1 | GP Canada – Analisi Telemetria qualifica: Russell in pole per un scia? – VIDEO

Russell torna in pole position sul circuito di Montreal davanti ad un irriducibile Verstappen, entrambi qualificati con lo stesso tempo. Scopriamo dall’analisi della telemetria della qualifica del GP del Canada, le differenze tra Russell e Verstappen.

Le strane condizioni climatiche della qualifica del GP del Canada hanno restituito un quadro piuttosto anormale, con 6 piloti in poco più di 2 decimi. A primeggiare è stato Russell, che con la sua W15 partirà in pole position davanti ad un irriducibile Max Verstappen, qualificatosi con lo stesso tempo di Russell. Scopriamo come George Russell è riuscito a ottenere la pole position dall’analisi della telemetria della qualifica del GP del Canada.

Analisi telemetria qualifica Canada Russell
Crono identico raggiunto in modi differenti – @Red Bull Content Pool

La prima e ultima pole position del pilota inglese risale al 2022, quando partì davanti a tutti sul tracciato ungherese. Da quel GP le prestazioni della Mercedes non hanno permesso al pilota britannico di eccellere nelle altre tappe in programma. In questo avvio di 2024, la W15 è sembrata ancora peggiore delle precedenti, con entrambi i piloti in difficoltà in determinate condizioni. Il tipico clima Canadese in questo periodo dell’anno, con meteo sempre variabile e temperature piuttosto basse, hanno reso difficile la lettura della pista. Coloro che hanno interpretato al meglio il meteo e il difficile tracciato sono Russell e Verstappen che hanno chiuso il Q3 con lo stesso tempo.


Leggi anche: F1 | GP Canada – Wolff dopo le qualifiche: “La Mercedes qui ha il passo giusto”


La prima differenza che emerge dalla qualifica è la cronologia di realizzazione del riferimento cronometrico. Infatti, Russell è stato capace di realizzare l’1:12.000 al primo tentativo con gomma usata, mentre Verstappen al secondo tentativo con gomma nuova. Tuttavia, il riferimento dell’inglese è stato quasi 3 decimi più lento del crono registrato in Q2, dove aveva fissato l’asticella a 1:11.742. Probabilmente le condizioni di grip in Q3 sono peggiorate, non permettendo a nessun pilota di migliorarsi.

Analisi telemetria giro veloce Q3 Canada

Confronto telemetrico dei due giri di Russell e Verstappen – @Filippo Pesavento

La top speed sul rettilineo di partenza è già a vantaggio della Red Bull, con Verstappen che arriva alla 1 con 3 km/h in più su Russell. Il britannico recupera del tempo nella transizione tra curva 1 e 2, ma un piccolo snap del posteriore non gli permette di impostare al meglio la 2. Nonostante la traiettoria non ottimale, Russell riesce ad andare sul gas senza perdere trazione in uscita e recupera su Verstappen prima della chicane 3-4. Anche qui Verstappen riesce a entrare meglio nella chicane con circa 2 km/h in più anche nella fase di uscita.

Analisi telemetria qualifica Canada Russell
Analisi dei microsettori di Verstappen e Russell

Il migliore ingresso in curva ha però compromesso l’uscita, con l’olandese costretto a parzializzare per non finire a muro. Infatti, dalla telemetria del giro veloce possiamo vedere che Verstappen è stato costretto a chiudere la farfalla per quasi il 50%. Qui Russell è riuscito a recuperare del terreno con una migliore percorrenza fino alla 6. Al T1 è Verstappen in vantaggio con un -0.136 su Russell. Dall’inizio del secondo settore la Mercedes prende vita, con Russell che sacrifica l’ingresso della 6 per avere una migliore percorrenza della 7 e accelerazione fino alla 8. Al contrario Verstappen che in uscita dalla 7 continua ad avere difficoltà nello scaricare a terra la potenza, evidenziato da ripetuti rilasci dell’acceleratore sulla RB20.


Leggi anche: F1 | Vasseur-Villeneuve, botta e risposta al veleno: “A volte sbagli anche tu”


Nel tratto 8-9 i due procedono appaiati, con il distacco che si riduce per una migliore velocità di punta della Red Bull. Nonostante questo, Russell ha un vantaggio di quasi 2 decimi su Verstappen. Il confronto prosegue in curva 10, dove Russell riesce a percorrere il tornantino con 3 km/h in più rispetto a Verstappen. Nonostante una percorrenza migliore, l’inglese ha anche una migliore accelerazione verso il rettilineo finale. Qui la fortuna ha deciso di aiutare Russell verso la conquista della pole position.

Infatti, appena esce dalla 10 si trova una Racing Bulls davanti che gli ha fornito un traino importante verso l’ultima chicane. La scia di Tsunoda, nonostante fosse a circa 200 metri di distanza, ha regalato alla W15 6 km/h in più prima della frenata in curva 14. Con questo guadagno velocistico, Russell è riuscito a limitare il recupero di Verstappen, che nel T3 ha recuperato gli ultimi 53 millesimi.

Video Pole George Russell

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.