Formula 1Interviste F1News Formula 1

F1 | Paradosso Aston Martin: tecnici e mezzi ma “non un aggiornamento funzionante in 12 mesi”

Aston Martin continua a fare fatica in F1, nonostante grandi investimenti e tecnici di prim’ordine, e i piloti cominciano a perdere la pazienza.

Tecnici e mezzi non bastano, Aston Martin cola a picco in F1. Il team di Silverstone proprio in Inghilterra è tornato a punti, dopo due Gran Premi a secco. Il settimo e ottavo posto di Lance Stroll e Fernando Alonso, con una Ferrari, una Red Bull e una Mercedes fuori dai giochi, non possono però risollevare una stagione fin qui tutt’altro che soddisfacente.

F1 | Paradosso Aston Martin: tecnici e mezzi ma "non un aggiornamento funzionante in 12 mesi"
Lance Stroll più veloce di Fernando Alonso nelle ultime due gare – Aston Martin F1

È incredibile: tutte queste possibilità e fate un pezzo di merda così!“, recita Daniel Brühl in Rush, interpretando uno scioccato Niki Lauda ad un test Ferrari, nel 1973. Un’esclamazione che pare rimbombare nel quartier generale Aston Martin, di questi tempi. La AMR24 stenta a decollare, ancora a secco di podi (mai neanche una Top 4) e, soprattutto, lontanissima dai team di punta.

Siamo stati veloci all’inizio dello scorso anno – spiega un affranto Lance StrollNon credo avessimo davvero la possibilità di vincere delle gare, ma avevamo una buona macchina che ci ha permesso di centrare diversi podi e numerose Top 5“.

Quella macchina, la AMR23, doveva in qualche modo servire da base per costruire il futuro di Aston Martin. Una scuderia che, con Lawrence Stroll, punta a diventare grande fra le grandi ma che, oggi, rischia di scivolare sempre più nel baratro del midfield. D’altronde, già dal Gran Premio del Belgio della passata stagione erano sembrate chiare le difficoltà del team inglese nel portare aggiornamenti.


Leggi anche: F1 | Wolff su Antonelli: “Se ti qualifichi fra gli idioti, guidi contro gli idioti”


Credo che, in definitiva, abbiamo preso una direzione leggermente sbagliata in quanto a filosofia di sviluppo – continua Lance StrollAbbiamo intrapreso la strada sbagliata e lo stiamo realizzando sempre più. Ora è questione di cambiare direzione e dare tempo agli sviluppi per essere nuovamente competitivi anche se con una filosofia diversa da quella attuale“.

Aston Martin continua ad investire, sia dal punto di vista delle infrastrutture che da quello dei tecnici. Nel 2025 ci sarà anche Enrico Cardile, fedelissimo Ferrari strappato al Cavallino Rampante e prossimo CTO della squadra. Il sogno resta quello di Adrian Newey, conteso ancora con Maranello e che, stando alle più recenti voci dal paddock, potrebbe essersi notevolmente avvicinato a Silverstone.

Abbiamo fatto svariati tentativi diversi in questi ultimi 12 mesi – conclude il pilota canadese – Ogni aggiornamento che abbiamo apportato non ha dato i benefici che speravamo di ottenere. Penso che abbiamo imparato molto, però, ora dobbiamo risolvere il problema e rendere la macchina più veloce“.

Seguici in Live Streaming su Twitch

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Foto Copertina: Aston Martin F1

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.