Formula 1News Formula 1

F1 | Rolex pronta a lasciare il ruolo di cronometrista ufficiale, LVMH in subentro

Dopo anni di collaborazione, il brand svizzero di Rolex sarebbe sulla strada per lasciare il ruolo di cronometrista ufficiale F1, con LVMH in subentro.

La presenza del noto brand di orologeria in Formula 1 risale al 2013, quando Rolex divenne Global Partner e l’orologio ufficiale della massima serie. Secondo rumors, provenienti direttamente dalla Svizzera, Rolex potrebbe lasciare al gruppo LVMH il ruolo di cronometrista ufficiale a partire dal 2025.

Nel 2013, il brand di lusso svizzero, stipulò un accordo con la Formula 1 dal valore di decine di milioni di dollari all’anno. Secondo quanto riportato da Coronet, il gruppo LVMH sarebbe il primo candidato a diventare cronometrista ufficiale della massima serie a partire da gennaio 2025. Il gruppo LVMH, acronimo di Moët Hennessy Louis Vuitton SE, è una multinazionale francese con sede a Parigi. All’interno di questo super gruppo sono presenti alcuni dei brand di lusso più conosciuti al mondo. Fendi, Louis Vuitton stesso, Givenchy, Dior sono solo alcuni esempi e all’interno è presenti brand di alta orologeria, TAG Heuer e Hublot.


Leggi anche: F1 | Toyota, il ritorno nella massima serie è vicino: i dettagli dell’operazione


Il primo, sempre di origine svizzera, sarebbe proprio il sostituto dal 2025 di Rolex come cronometrista ufficiale della serie. Il contratto che dovrebbe stipulare il nuovo timekeeper dovrebbe valere sui 150 milioni di dollari. Sempre secondo Coronet, Rolex non avrebbe motivo di abbandonare la Formula 1, visto che negli ultimi anni ha raddoppiato l’audience negli ultimi anni.

Tuttavia, la ricerca di un nuovo cronometrista potrebbe essere arrivata anche per una richiesta di Formula 1 stessa. Questo perché il gruppo LVMH ha un fatturato stimato sugli 86 miliardi di dollari e possiede 75 brand, 

La scelta di Tag Heuer potrebbe essere la più azzeccata vista la sua storia nel cronometraggio e la sua partnership con Red Bull e Max Verstappen. Dovesse arrivare la conferma della rinuncia di Rolex, si potrebbe portare a termine il piano di rilancio proposto da Arnault, CEO di TAG Heuer. Infatti, in un’intervista rilasciata a WatchPro, il CEO ha posto al centro delle operazioni di rilancio la presenza e partecipazione nel mondo della Formula 1.

“Quando sono arrivato, la Formula 1 non era più al centro della strategia di TAG Heuer. Si criticava il fatto che fosse uno sport per vecchi; c’era un problema enorme da affrontare, quello della sostenibilità. Ma ora il quadro è molto diverso”, ha descritto Arnault.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.