Formula 1Interviste F1News Formula 1

F1 | Verstappen soddisfatto a metà sul regolamento 2026 e fa un divertente riferimento a Mario Kart

La FIA ha reso note le linee guida dei prossimi regolamenti tecnici nel pomeriggio di ieri, suscitando molte domande in tutto il paddock. Tra questi c’è Verstappen che è sembrato piuttosto perplesso in merito al regolamento 2026.

Ieri alle 15:30 la FIA ha diramato le linee guida che saranno alla base delle prossime monoposto, la quali debutteranno nel 2026. Molti sono ancora i punti interrogativi in merito all’aerodinamica attiva e alla nuova modalità Override per i sorpassi. Tuttavia, sono presenti anche alcuni elementi positivi come la riduzione del peso e delle dimensioni generali, due fattori da tempo richiesti da tutto il Circus. Tra aspetti positivi e negativi, Verstappen non ha nascosto il suo pensiero in merito al regolamento 2026 facendo un chiaro riferimento a Mario Kart.

F1 | "Dobbiamo trovare performance dove non avevamo previsto", il monito di Verstappen verso il Canada Verstappen Regolamento 2026
Verstappen soddisfatto a metà del regolamento 2026 – @Red Bull Content Pool

La giornata di ieri ha posto le basi per il futuro della Formula 1 futura, diramando quelle che sono le aree di lavoro principali per gli ingegneri. Tra le novità più importanti sicuramente troviamo la nuova Power Unit, che avrà un’erogazione di potenza distribuita equamente tra termico ed elettrico. Una modifica che ha rivoluzionato l’erogazione di potenza elettrica, posta con un massimale di 350 kW.

Verstappen aveva espresso il suo disappunto sin dalle prime indiscrezioni sui nuovi regolamenti. ha modificato leggermente la sua opinione una volta diramata l’ultima revisione. “Ad essere sincero, ora mi trovo un po’ nel mezzo”, ha dichiarato a Motorsport.com. “Le nuove regole sono quelle che sono e credo che abbiano a che fare principalmente con le norme sui motori”.

Hanno capito che l’aerodinamica attiva è necessaria per ridurre la resistenza dell’aria e ottenere un giro decente. Altrimenti, a un certo punto non si avrà più energia dalla batteria, e questo lo hanno scoperto loro stessi”. Quest’ultima rivelazione è un chiaro riferimento alle sue precedenti dichiarazioni dopo aver visto i primi dati del simulatore, con i piloti costretti a scalare marcia sul rettilineo di Monza.


Leggi anche: F1 | Hamilton rivela: “Ecco cosa mi ha spinto a scegliere Ferrari”


“Ma ora hanno cambiato il modo in cui si utilizza l’energia sui rettilinei”, ha proseguito facendo riferimento al nuovo sistema Override. “Di conseguenza, credo che non sia più necessario scalare le marce in rettilineo, anche se la curva con cui si raggiunge la velocità è leggermente diversa. Credo che tutti abbiano bisogno di altre simulazioni per capire bene. L’aerodinamica attiva è necessaria soprattutto per affrontare il problema dei rettilinei. Se la sistemano bene, allora sarà uguale per tutti”.

Max ha poi fatto uso di un riferimento al videogioco Mario Kart con il paragone delle “bucce di banana” o dei “gusci rossi”. Una dichiarazione che ha portato alla luce la preoccupazione di Verstappen sulla veridicità dei sorpassi. Speriamo di no, mettiamola così, Personalmente spero di no”, ha dichiarato Verstappen. “Sono ancora work in progress e abbiamo bisogno di altre simulazioni.”

Infine, il tre volte campione del mondo si è detto concorde con le dichiarazioni di Alonso sui timori di perdere 30 kg di peso.Come sembra al momento, sarà molto difficile. Alcune squadre hanno già una vettura troppo pesante. Tuttavia, so che la direzione intrapresa è quella di vetture un po’ più piccole, ma se si riescono a raggiungere i 30 kg in meno, allora stiamo parlando dello scenario perfetto di ciò che è possibile”. 

Nonostante il successo del taglio del peso, Verstappen ha aggiunto “le auto dovrebbero essere da cento a centocinquanta chili più leggere. Tuttavia, non è possibile per come sono le regole attuali, specialmente per via del motore, con la batteria troppo grande per rendere possibile tutto ciò”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

 

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.