Formula 1News Formula 1

F1 | Zandvoort: a rischio la permanenza annuale in calendario

Direttamente dall’Olanda arriva una clamorosa notizia che vedrebbe compromessa la permanenza annuale in calendario del tracciato di Zandvoort.

Il tracciato olandese ha fatto il suo ritorno nella massima serie automobilistica nel 2021 dopo esser stato ristrutturato in diverse aree. Il governo olandese ha fatto di tutto per riportare la Formula 1 sul tracciato realizzato in prossimità del mare. Dalle ultime notizie giunte proprio dall’Olanda, il tracciato di Zandvoort potrebbe vedere compromessa la sua permanenza annuale in calendario.

Ferrari Sainz Olanda Zandvoort permanenza calendario
L’Olanda sembra aprire ad una possibile rotazione dei circuiti in calendario, partendo proprio da Zandvoort – Credits: Scuderia Ferrari Media

In un recente episodio di Race Cafè di Ziggo Sport, Jan Lammers ha approfondito un’opzione che era considerata assurda fino a pochi mesi fa. Dopo vari ripensamenti, infatti, sembra che gli organizzatori del GP d’Olanda stiano prendendo in seria considerazione l’opzione di alternarsi annualmente con Spa-Francorchamps. Una scelta che potrebbe non piacere moltissimi a tutti gli addetti ai lavori che hanno contribuito all’ottima riuscita dell’edizione del 2023, che li ha visti nominati come miglior organizzatori dell’anno.


Leggi anche: F1 | Alesi loda Vasseur e identifica un prezioso alleato per la Ferrari nella lotta contro Red Bull


Dopo aver avanzato questa ipotesi, Lammers ha commentato la possibilità di collaborare con il tracciato belga. “C’è tanto entusiasmo e interesse in tutto il mondo, quindi siamo orgogliosi (di essere nel calendario della F1). Si parla di Miami, Las Vegas e Zandvoort. Questo è naturalmente fantastico, ha dichiarato Lammers ai microfoni Ziggo Sport. Tuttavia, secondo il direttore sportivo del Gran Premio d’Olanda, non è garantito che Zandvoort avrà un’edizione annuale tutti gli anni dopo il 2025, anno in cui scadrà il contratto di permanenza.

Bisogna anche fare i conti con la saturazione, quindi forse è bene non farlo ogni anno ma ogni due anni. In futuro potremmo alternarlo a Spa, e mi sembra giusto prediligere anche Spa. Un Gran Premio meraviglioso e una delle piste più belle del mondo”.

Nei mesi scorsi si era parlato di una possibile rotazione tra le tappe presenti nei futuri calendari. Una mossa dovuta anche alla sempre crescente domanda di uno slot in calendario. L’ultimo a chiedere un posticino è stato il ministro della Thailandia, senza però dimenticarci del possibile ritorno di due tracciati storici come Hockenheim e il Nurburgring. Circuiti storici e ricchi di storia che rischiano di dover lasciare spazio allo show arido che offrono tracciati come Las Vegas e Miami.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.