Formula 1News Formula 1

F1 | Zhou si candida come compagno di squadra per Bearman in Haas?

Secondo le ultime indiscrezioni Zhou Guanyu potrebbe essere uno dei candidati più probabili per unirsi al team Haas nel 2025 assieme e Bearman

La prossima stagione la Haas potrebbe presentarsi con la coppia di piloti Zhou Guanyu-Oliver Bearman. Infatti, secondo le ultime indiscrezioni, pare aver preso piede la possibilità che sia proprio il pilota cinese ad arrivare alla corte del team americano.

A lanciare l’indiscrezione è il quotidiano tedesco Amus che sostiene la possibile candidatura del pilota attualmente in forza a Stake prendere il posto di uno dei due tra Kevin Magnussen e Nico Hulkenberg. L’opzione Zhou pare fare gola alla Haas proprio per i suoi sponsor che dovrebbero ammontare sui 30 milioni di euro e che farebbero decisamente molto comodo al team a stelle e strisce.

zhou haas bearman
Ocon lascerà l’Alpine dalla prossima stagione @ Alpine

Il sostegno finanziario di Zhou è sicuramente un fattore che gioca a suo favore e, grazie ai suoi legami con il mercato cinese, potrebbe rivelarsi una risorsa per Haas. Zhou dovrà, tuttavia, affrontare una dura concorrenza per rimanere in griglia per il prossimo anno considerando il valzer di piloti che si è aperto sin dall’arrivo di Lewis Hamilton in Ferrari.


Leggi anche: F1 | Mercedes, Wolff lancia un altro messaggio chiave a Sainz e ad Antonelli


Per la Haas, comunque, sarebbe in lizza anche Esteban Ocon che, solo qualche giorno fa, ha annunciato di aver accettato la separazione dall’Alpine. Il divorzio dalla scuderia francese è sembrato inevitabile dopo un rapporto abbastanza tormentato anche con il compagno di squadra e connazionale Pierre Gasly.

Certo è che Ocon sarebbe in lizza anche per il sedile di Audi, soprattutto se dovesse essere confermato l’arrivo di Carlos Sainz alla Williams. Lo spagnolo, infatti, avrebbe già firmato un contratto con la scuderia inglese anche se l’ufficialità tarda ad arrivare.

Insomma, il valzer di piloti per la prossima stagione sembra proseguire e la griglia per il 2025 sembra tutt’altro che definita.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter