A TCFormula 1News Formula 1

Ferrari, la lotta a Red Bull in F1 passa dai box: pit stop mai così veloci

Ferrari contro Red Bull, la lotta al vertice passa anche dai box: Maranello velocissima nei pit stop in questo inizio di stagione.

Ferrari insidia Red Bull ai box, pit stop velocissimi nel 2024. La Scuderia di Maranello continua il perfezionamento delle manovre in pit lane, non sempre un punto di forza delle Rosse. A Miami è arrivato anche il DHL Fastest Pit Stop Award, il secondo dopo quello conquistato in Bahrein. Di certo un’arma in più nel caso le prestazioni in pista dovessero sempre più pareggiarsi.

Ferrari, la lotta a Red Bull in F1 passa dai box: pit stop mai così veloci
Carlos Sainz durante le qualifiche di Miami – Jacopo Moretti per F1inGenerale

Il Gran Premio di Miami ha riservato non una, ma due grandi sorprese. La prima, scontato dirlo, è la prima vittoria in carriera di Lando Norris. L’inglese, dopo sedici podi conquistati e più di cento gare, ha finalmente rotto l’incantesimo che lo teneva lontano dalla tanto ambita P1. Immensa gioia per Andrea Stella e Zak Brown, che vedono ripagati fiducia e sforzi fatti.

L’altra grande sorpresa è nei pit stop. Velocissimi, al solito, in Red Bull, che effettua il cambio gomme di Sergio Perez in 1.95 secondi. Ad essere i più veloci, tuttavia, sono i meccanici di Maranello: con i loro 1.94 secondi al pit stop di Charles Leclerc, conquistano il secondo premio di categoria stagionale.


Leggi anche: F1 | Niente debutto a Imola per Kimi Antonelli? La colpa è di Verstappen


Un primato già conquistato in Bahrein quando, sempre con Charles Leclerc, il box Ferrari si era attestato a 2.23 secondi. In un’aera dove Red Bull è da quasi un decennio il punto di riferimento, il Cavallino Rampante sembra finalmente potersi avvicinare a Milton Keynes. Un tema che sta affrontando anche McLaren, a sua volta sempre più vicina alla perfezione nel cambio gomme.

Un ruolo fondamentale lo avrà la consistenza. Non di rado i meccanici Ferrari si esibiscono in prestazioni stellari su una vettura, offrendo invece mediocrità sull’altra e viceversa. Quando i distacchi si restringono, guadagnare o perdere anche soltanto un secondo in pit lane può fare una grande differenza. Una qualità di cui Red Bull è regina, ma che sia Maranello che Woking stanno assiduamente ricercando.

Foto Copertina: Jacopo Moretti per F1inGenerale

Seguici in Live Streaming su Twitch

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter