AerodinamicaF1 AnalisiFormula 1News Formula 1

Ferrari SF-24 EVO a Imola, le novità e gli aggiornamenti dettaglio per dettaglio

Grande attesa per vedere le prestazioni della Ferrari SF-24 EVO a Imola, che arriva sul Santerno con una valanga di aggiornamenti.

Dopo averla vista ieri con le prime foto da vicino, abbiamo avuto la possibilità di osservare ancora meglio l’evoluzione della Ferrari SF-24. La monoposto del cavallino è giunta a Imola, prima tappa europea, con una valanga di novità. Scopriamo insieme, da vicino, tutti gli aggiornamenti portati a Imola dalla Ferrari sulla SF-24 EVO.

aggiornamenti Ferrari SF-24 EVO Imola
La nuova versione degli inlet della SF-24 EVO a Imola

Le novità macroscopiche si concentrano ovviamente sulle pance e sul cofano, con una moltitudine di cambiamenti sui sidepods e sul cofano. Tuttavia, a cambiare sulla monoposto di Leclerc e Sainz sono tanti altri dettagli che permettono di far funzionare meglio la SF-24 EVO.

aggiornamenti Ferrari SF-24 EVO Imola
Piccole modifiche all’ala anteriore per guidare meglio i flussi verso il centro vettura

In primis l’ala anteriore, che ha subito dei piccoli cambiamenti ai flap per incrementare il carico locale e ampliare la possibilità di regolazioni del setup. Una modifica che permetterà alla SF-24 di assumere un comportamento leggermente più puntato sull’anteriore, seguendo un po’ quelle che sono le caratteristiche di guida di Leclerc. Parlando dell’altro elemento alare, quello posteriore, le modifiche hanno coinvolto il main plane e l’upper flap, di cui abbiamo fatto l’analisi in questo articolo.


Leggi anche: F1 | Leclerc, ecco il casco tricolore per il weekend di Imola – VIDEO


Il cambiamento più evidente è quello dei sidepods e degli inlet, con il labbro che è stato rovesciato, seguendo l’impronta Red Bull. Il cambiamento ha permesso di incrementare il volume d’aria nel sottosquadro, permettendo un funzionamento migliore della FWE. Una notevole mole d’aria in più che corre sotto le pance e alimenta diffusore e beam wing, oltre alla floor edge wing per sigillare il fondo. Quest’ultima è stata modificata per lavorare assieme alla nuova geometria delle pance e guidare meglio i flussi al posteriore. Cambiano anche i dettagli aerodinamici a lato dell’Halo, che adesso hanno il compito di migliorare il flusso diretto sulle pance con effetto downwash. 

Ferrari è intervenuta anche per migliorare l’efficienza aerodinamica della vettura, riducendo la sezione del cofano e aprendo una fessura dietro l’Halo per evitare problemi con lo strato limite. Una modifica che permette di migliorare l’efficienza della monoposto e va in accordo con il grande sfogo d’aria appena dietro.  

Passando al posteriore, Ferrari è intervenuta anche sul diffusore che adesso ha un nuovo canale centrale per migliorare l’estrazione del volume d’aria da sotto la vettura. Una modifica che permette una maggiore espansione dei flussi e un conseguente incremento del carico locale. Sempre sul posteriore, Ferrari ha ottimizzato i profili dei triangoli delle sospensioni, fondamentali per guidare meglio i flussi incidenti in quell’area, con un ulteriore incremento del carico locale.

La nuova versione degli inlet della SF-24 EVO a Imola

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter