A TCFormula 1Interviste F1News Formula 1

La F1 valuta il calendario a rotazione e l’aumento delle gare Sprint: l’idea di Domenicali

Molte gare storiche sono a rischio, ma per “salvarle” si starebbe valutando un calendario di F1 a rotazione con un aumento delle Sprint: la confessione di Domenicali

La questione del calendario di F1 è sempre più intricata e in molti si sono lamentati delle gare eccessive: ma, secondo Stefano Domenicali, si stanno prendendo in considerazione l’ipotesi di un calendario a rotazione e un aumento delle Gare Sprint.

Già dalla passata stagione, infatti, il calendario di F1 ha visto un aumento delle gare a 24 totali con varie polemiche giunte sia da piloti che da membri dei team. In molti hanno sostenuto che così tante tappe non siano troppo sostenibili a lungo andare.

La F1 valuta il calendario a rotazione e l'aumento delle gare Sprint: l'idea di Domenicali
Stefano Domenicali con Mohammed Beh Sulayem @F1

Ma non solo: questa situazione starebbe mettendo a serio rischio la conferma di alcuni circuiti storici che potrebbero anche scomparire. A tal proposito, il CEO di F1 ha voluto fare chiarezza in un’intervista esclusiva con il quotidiano tedesco AMuS, spiegando come la F1  stia lavorando anche con la FIA per arrivare a una soluzione che “metta d’accordo tutti”.


Leggi anche: F1 | Spunta l’ipotesi di ritorno al solo turbo per mettere fine all’era ibrida: le parole di Domenicali


Piste come Spa potrebbero rimanere nel calendario delle gare in futuro grazie al principio di rotazione. Stiamo valutando questa ipotesi. È probabile che inizieremo a farlo in Europa per testare un nuovo metodo che ovviamente stiamo ancora valutando” racconta Domenicali.

Un Gran Premio crea molti posti di lavoro e nuovi rapporti commerciali e quindi genera denaro dalle tasse. Grandi vendite vengono generate nell’ambiente del Gran Premio. Se prendiamo come esempio Las Vegas, è evidente come anche il nostro mercato porta i suoi frutti. Questo è un bene per noi, ma non solo per noi“.

Anche aumentare in numero delle Sprint rientra in quest’ottica di sviluppo. “Questo è il nostro obiettivo. Dai dati che abbiamo raccolto, abbiamo notato che c’è un certo interesse nel proseguire u questa strada. A noi interessa lo spettacolo in pista e siamo sicuro che così facendo potremo garantirlo. Ai nostri tifosi dobbiamo offrire tutto il massimo che un’esperienza in F1 possa regalare“.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter