A TCFormula 1Interviste F1News Formula 1

Un domani potremo dire “noi c’eravamo”

L’edizione del GP di Monaco 2024 consegna finalmente a Charles Leclerc la tanto agognata vittoria nella gara di casa: il nostro racconto di un indimenticabile weekend

Sono passate quasi 24 ore dalla straordinaria impresa compiuta da Charles Leclerc nel GP di Monaco, eppure le lancette dell’orologio sembrano ancora essere ferme a quel 78esimo e ultimo giro e a quella bandiera a scacchi, sventolata eccezionalmente da un certo Kylian Mbappé, una delle tante superstar che non hanno voluto per nulla al mondo perdersi l’appuntamento con la storia.

Leclerc GP Monaco
Charles Leclerc vince il GP di Monaco 2024 © AFP

Appuntamento con la storia

L’impressione generale, per noi che abbiamo avuto la fortuna e il privilegio di essere presenti nel paddock in questo weekend, è che il copione fosse già scritto sin dal venerdì, ma la scaramanzia, vedendo anche i tragicomici epiloghi del 2021 e del 2022, l’ha fatta da padrona fino agli ultimissimi metri.

Sin dalle conferenze stampa del giovedì, tutti i piloti hanno sottolineato l’importanza di azzeccare il giro perfetto in qualifica, pienamente consapevoli che partire indietro su questa pista, mai come in questo fine settimana, sarebbe stato fatale. E così alla fine è stato per alcuni, a partire da Fernando Alonso e Sergio Perez, entrambi apparsi estremamente scoraggiati dopo l’eliminazione in Q1 e con la testa già al Canada.

In parte si può dire lo stesso anche per Max Verstappen, dominatore assoluto del campionato finora, ma che in gara, nonostante la superiorità della sua RB20, si è trovato costretto a osservare il posteriore della W15 di George Russell per ben 78 tornate.

E ora veniamo al momento clou del weekend. Dopo la pole capolavoro ottenuta al sabato, la terza in carriera in casa, in sala stampa e in giro per il paddock la domanda ricorrente era una sola: in che modo Leclerc riuscirà a gettare alle ortiche la vittoria anche questa volta? A differenza degli anni passati, però, l’epilogo è stato ben diverso.

Come affermato in precedenza, tutti sapevamo in fondo che, senza l’obbligo di fermarsi ai box per il cambio gomme in seguito alla bandiera rossa esposta per il terribile incidente tra Perez e Magnussen, nessuno avrebbe potuto negare a Charles il piacere di salire per la prima volta in carriera sul gradino più alto del podio a casa sua, non questa volta.


Leggi anche: F1 | Euforia Ferrari a Monaco: il tuffo di Vasseur in mare con Leclerc – VIDEO


La vera magia non è stata però la celebrazione sul podio, l’abbraccio con i meccanici appena sceso dalla macchina o l’urlo nel team radio dopo la bandiera a scacchi, bensì la festa scoppiata nel paddock poco dopo la fine delle conferenze.

Usciti dall’hospitality Ferrari, era impossibile non notare una marea rossa diventare sempre più volta proprio davanti all’ingresso principale del paddock, affianco alle televisioni.

Sulle note di “Volare” di Domenico Modugno, tutta la squadra si è radunata per la classica foto di rito post vittoria, con Frederic Vasseur al centro ad aspettare l’arrivo dell’uomo che ha fatto piangere di gioia milioni di tifosi.

E dopo una discreta attesa, Charles è arrivato, portato in trionfo dalla propria gente, sollevando con grande orgoglio il trofeo del vincitore. A ciò ha fatto seguito una doccia di champagne e il tuffo nel porto, a coronamento di un weekend indimenticabile per il cavallino e per certi versi irripetibile.

Indimenticabile lo è stato sicuramente anche per noi, che speravamo in fondo in un epilogo simile, e che per un attimo ci siamo anche presi la briga di toglierci i panni dei professionisti per festeggiare una vittoria destinata a rimanere per sempre marchiata a fuoco nei libri di storia della Formula 1.

Charles Leclerc ha vinto finalmente il GP di Montecarlo, e un giorno, ripensando a questo incredibile 26 Maggio 2024, potremo dire “noi c’eravamo”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.