Formula 1Interviste F1News Formula 1

Ralf Schumacher sgancia la bomba su Verstappen: non solo Newey ai saluti?

Secondo Ralf Schumacher, anche Max Verstappen potrebbe salutare Red Bull a fine stagione insieme ad Adrian Newey

Dopo qualche mese di pausa, stiamo ormai entrando nella fase calda del mercato, sia per quanto riguarda i piloti che i tecnici. Ad accendere il mercato potrebbe essere inavvertitamente proprio la stessa Red Bull, con diversi rumors che circolano ormai da giorni su quel che potrebbe essere l’immediato futuro di Adrian Newey.

Ralf Schumacher Verstappen Newey
Ralf Schumacher sgancia la bomba su Verstappen: non solo Newey ai saluti? © Getty Images

Stando alle indiscrezioni delle ultime ore, il tecnico britannico sembrerebbe pronto a fare le valigie rassegnando le dimissioni a fine stagione, dicendo addio alla scuderia di Milton Keynes dopo praticamente un ventennio, condito da grandissimi successi.

Regna invece ancora incertezza su ciò che ne sarà di Max Verstappen, con Ralf Schumacher che, parlando della delicata situazione in Red Bull ai microfoni di Sky Sports, ha commentato: “Adrian Newey ha bisogno di armonia, di una buona atmosfera, di un buon ambiente di lavoro. In questo momento bisogna dirlo chiaramente: Red Bull sta cadendo a pezzi”.

“L’unica responsabilità della rottura in Red Bull è di Christian Horner, che si sta aggrappando al potere. Non credo che la partenza di Adrian Newey sarà l’ultimo problema che dovrà affrontare. Max Verstappen sta già pensando di andarsene, così come il dottor Helmut Marko”.


Leggi anche: Steiner, un’altra stoccata tra le righe a Haas nelle congratulazioni a Hulkenberg


“Anche l’anno scorso la squadra ha avuto problemi. Adrian si è ammalato una volta e si è visto subito cosa è successo, ovvero che Verstappen ha avuto problemi. Se vuole continuare, deve essere libero. Altrimenti, ovviamente, rimarrà bloccato e non potrà entrare in una nuova squadra”.

Infine, l’ex pilota tedesco ha voluto lanciarsi in una previsione a medio termine, affermando che il dominio della scuderia campione in carica non avrà ancora lunga vita, dovesse Horner restare al ponte di comando: “Do alla Red Bull altri due anni e se resterà con Horner, la squadra sprofonderà nella mediocrità. Ne sono abbastanza sicuro”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter