Formula 1Interviste F1News Formula 1

Piloti McLaren d’accordo sul GP di F1 in Spagna: “La lotta è aperta”

Dopo un venerdì ricco di conferme, i piloti in casa McLaren sono concordi sui valori in campo che vedremo nel GP di Spagna.

La McLaren che vediamo in pista sta sorprendendo per le ottime prestazioni in tutte le condizioni e in tutte le tipologie di circuito. Tracciati veloci, stop & go non sembrano mettere in pensiero la MCL38 condotta da Lando Norris e Oscar Piastri. I due piloti della McLaren si sono dimostrati estremamente efficaci nel venerdì del GP di Spagna, ma credono che la lotta sia estremamente aperta con gli altri che si avvicineranno.

McLaren piloti Spagna
Lando Norris in azione nel venerdì di Barcellona

Nelle FP1, Lando Norris è riuscito a stare davanti a Verstappen per soli 0,024 secondi, mentre ha chiuso le FP2 a soli 0,055 secondi da Hamilton. Questo il distacco nella simulazione di qualifica, mentre in quella del passo gara le due McLaren sono sembrate le migliori con un discreto vantaggio sugli inseguitori.

Penso che sia stata una giornata abbastanza buona”, ha commentato Norris al termine del venerdì di Barcellona. “Non è mai facile in queste condizioni di caldo, come non è mai fantastico. Le gomme si surriscaldano molto rapidamente, quindi è difficile riuscire a far entrare tutto nella finestra perfetta.  Tutto sommato credo sia stato un buon inizio di weekend. Mi sono sentito a mio agio con la macchina fin dall’inizio. Siamo vicini e domani dovremo cercare di migliorare le piccole cose perché sono sicuro che sarà di nuovo vicino come in Canada”.


Leggi anche: Verstappen si lamenta, Marko ammette: “Non siamo dove ci aspettavamo” – GP Spagna F1


Se Norris si è dimostrato efficace sia in FP1 che in FP2, Piastri è rimasto leggermente attardato e ha concluso la giornata in P7 a circa 3 decimi dalla vetta. Nonostante la posizione finale, il giovane australiano è fiducioso sulle possibilità di fare bene nel weekend catalano.

“Penso che sia stata una giornata un po’ difficile per le condizioni della pista: faceva molto caldo e l’aderenza era molto più bassa di quanto ci aspettavamo. Per questo motivo è stato necessario un po’ di lavoro di messa a punto per le FP2. Ci sono ancora alcune cose su cui lavorare per quanto riguarda la mia guida, ma credo che la macchina sia a buon punto. Forse non è stato il miglior venerdì dell’anno, ma siamo sicuramente tra i protagonisti. Se riuscirò a sistemare alcune cose, saremo davvero tra i protagonisti”.

“Sembra che piccoli errori facciano la differenza”, ha aggiunto Piastri. “Anche piccole differenze nella preparazione delle gomme e cose del genere, quindi mi aspetto un’altra sessione molto combattuta domani, e probabilmente anche una gara combattuta”.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.