Formula 1Interviste F1

F1 | “Oh my Lord Max”: non fu Albon ad urlare via radio post GP Abu Dhabi 2021

Sorprendentemente, non fu Alexander Albon ad urlare via radio l’ormai celebre frase “Oh my lord Max” poco dopo la vittoria del titolo dell’olandese ad Abu Dhabi, bensì Gianpiero Lambiase

Quando pensiamo al primo rocambolesco titolo mondiale di Max Verstappen, vinto all’ultimo giro del GP di Abu Dhabi nel 2021, pensiamo immediatamente all’ormai divenuta celebre esclamazione “Oh my lord Max”, che tutti hanno erroneamente attribuito ad Alexander Albon. Due anni dopo, infatti, Gianpiero Lambiase, storico ingegnere di pista del fuoriclasse olandese, ha svelato di essere stato lui ad aver urlato via radio appena tagliata la linea dal traguardo.

Verstappen Lambiase Abu Dhabi
Lambiase il protagonista del team radio post GP Abu Dhabi 2021 © Getty Images

Lambiase il protagonista del team radio post GP Abu Dhabi 2021

In un recente video pubblicato da Red Bull sul proprio profilo Instagram, l’ingegnere di origini italiane ha finalmente svelato la verità su quel famoso team radio: “Solitamente sono calmo, essenziale e razionale nelle mie comunicazioni radio con Max, ma devo ammettere che non è stato Albon ad urlare via radio ad Abu Dhabi sotto alla bandiera a scacchi, sono stato io”.

Dopo aver perso il posto in Red Bull a fine 2020 a vantaggio di Sergio Perez, il thailandese decise di accettare il ruolo di pilota di riserva, restando a disposizione della scuderia per tutto l’anno successivo per poi tornare in griglia nel 2022.


Leggi anche: F1 | Domenicali ricorda l’incidente di Schumacher: “Episodi che ti cambiano la vita”


Non è un mistero che Albon e Verstappen siano amici anche al di fuori del paddock, ed è per questo che quasi tutti associarono quelle urla via radio proprio all’attuale pilota Williams. A maggior ragione se consideriamo la grande pacatezza che contraddistingue Lambiase via radio in tutte le sue comunicazioni, anche nelle fasi più concitate.

Tuttavia, quell’ultimo giro di Abu Dhabi fu un jolly incredibile per Red Bull, ormai rassegnata all’idea di aver perso il titolo contro Lewis Hamilton. L’entrata in pista della Safety Car al giro 54 offrì in realtà un’opportunità irripetibile a Verstappen, il quale attaccò immediatamente il rivale con gomme decisamente più fresche, cogliendo un insperato successo.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter