A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Marko assicura che il disastro sportivo Red Bull di Singapore non si ripeterà a Suzuka

Nonostante il tracollo sportivo di Red Bull nel weekend appena trascorso a Singapore, Helmut Marko è convinto che quanto successo pochi giorni fa non si ripeterà nel gran premio di casa di Honda a Suzuka.

Nonostante il tracollo sportivo di Red Bull nel weekend appena trascorso a Singapore, Helmut Marko è convinto che quanto successo pochi giorni fa non si ripeterà nel gran premio di casa di Honda a Suzuka. Un misero quinto ed un ottavo posto per una vettura abituata a schiacciare la concorrenza avrebbero messo in apprensione chiunque ma non l’austriaco, fiducioso che la trasferta in Giappone ristabilirà le gerarchie viste tutto l’anno. 

Marko Red Bull Suzuka
Marko convinto che Suzuka sarà un’altra storia per Red Bull rispetto a Singapore © RB Content Pool

Marko convinto che Suzuka sarà un’altra storia per Red Bull rispetto a Singapore

“Crediamo di sapere più o meno perché abbiamo avuto questi problemi”, ha dichiarato il super consulente austriaco alla Bild sull’inspiegabile tracollo del team di Milton Keynes sulle stradine di Marina Bay.

”Dopo questa prestazione in gara, sono fiducioso che il problema delle qualifiche non si ripresenterà a Suzuka. Non vediamo l’ora di correre in Giappone perché la pista è adatta alla nostra vettura e perché abbiamo capito cosa è accaduto. Quello che mi fa stare tranquillo è che la nostra velocità si è già di nuovo vista in gara”.

Traspare una calma quasi zen da parte di Helmut Marko, apparentemente tranquillo sul fatto che la RB19 tornerà a dominare tra qualche giorno sullo storico circuito giapponese. D’altronde, una gara andata storta non può cancellare quattoridici vittorie consecutive, con entrambi i titoli già ampiamente in ghiaccio da tempo.


Leggi anche: F1 | Ferrari: a Suzuka l’ultimo grande upgrade della stagione per sperare nel bis di Singapore


Lo stesso Marko è inoltre convinto che se la Safety Car fosse intervenuta due giri prima, Verstappen avrebbe vinto la corsa“,  quasi a voler dimostrare che il quinti posto dell’olandese sia stato più un caso sfortunato che il massimo risultato ottenibile dagli austriaci domenica scorsa.

Tuttavia, nonostante la calma olimpionica del nativo di Graz, Red Bull dovrà rimboccarsi le maniche per capire cosa non ha funzionato nel weekend appena trascorso, soprattutto in qualifica. Era infatti dal 2018 che entrambe le Red Bull non venivano eliminate in Q2, e quasi quindici anni se non consideriamo condizioni insidiose.

Verstappen ha dichiarato poco dopo la gara che il suo obiettivo è di tornare davanti a Suzuka e vincere con 20 secondi di vantaggio su tutti. Un’uscita che sarebbe risultata assolutamente normale fino ad una settimana fa. Tuttavia, solo la pista potrà confermare o smentire le ambizioni dell’olandese.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter