A TCFormula 1Interviste F1

F1 | La sentenza di Marko: “RB20 una rivoluzione, i rivali hanno copiato un modello già vecchio”

Nonostante la RB19 abbia dominato la stagione scorsa, Red Bull non si è fermata al compitino, con Helmut Marko che ha scomodato la parola rivoluzione nel descrivere la RB20

A poche ore dall’inizio dei test in Bahrain, prima occasione utile per vedere all’opera le monoposto 2024, la RB20, presentata in pompa magna lo scorso 15 Febbraio, continua a far parlare parecchio. Nonostante la RB19 abbia dominato la stagione scorsa, Red Bull non si è fermata al compitino, ma ha addirittura adottato alcune delle soluzioni scartate da Mercedes con la W13 e la W14. Parlando della nuova monoposto, Helmut Marko ha persino scomodato la parola rivoluzione. 

Marko RB20
Helmut Marko ha scomodato la parola rivoluzione nel descrivere la RB20 © PlanetF1

Cosa aspettarsi dalla RB20

“È più di un’evoluzione. È una piccola rivoluzione”, tuona il consulente austriaco ai microfoni di ServusTV. Nonostante 21 vittorie conquistate nella scorsa stagione, la scuderia di Milton Keynes non si è adagiata sugli allori, e ha ancora una volta lasciato tutti a bocca aperta con il nuovo progetto. 

Proseguendo con l’intervista, Marko ha parlato di come ”tutto abbia funzionato bene” al simulatore, e di come i riscontri delle nuove soluzioni adottate abbiano offerto riscontri positivi.

Secondo diverse fonti, la RB20 vista pochi giorni fa verrà utilizzata come ”base” per le prime uscite stagionali, con Red Bull che dovrebbe introdurre delle pance in stile ”zero sidepods” a partire dal GP del Giappone, riprendendo i concetti scartati da Mercedes con la W13 di due anni fa e parzialmente con la W14 del 2023.


Leggi anche: F1 | Ford, spunta una clausola d’uscita in caso di complicazioni sul caso Horner


Tuttavia, l’austriaco ci è andato piano con i proclami, conscio del fallimento Mercedes nelle ultime due stagioni: “Anche loro erano convinti dai dati del loro concept zero sidepods. In pratica non ha funzionato affatto”.

“Ora vedremo nei test se riusciremo a implementare con successo questa soluzione, o diciamo una soluzione simile. Adrian Newey preferirebbe sempre auto senza radiatori. Ma ovviamente i motoristi non lo permetteranno, è logico”.

Poi una stoccata ai competitors, che potrebbero ancora una volta trovarsi a rincorrere: “Gli altri potrebbero aver copiato un modello già vecchio”.

Già nella giornata di domani avremo modo di vedere le reali forme della RB20, nascoste sia nella presentazione ufficiale che nei rendering. Infine, sarà interessante anche capire se Red Bull introdurrà già nei test delle modifiche sostanziali alla monoposto, o se, come Ferrari, attenderà le prime gare prima di varare i primi aggiornamenti.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter