Formula 1

Norris vince a Miami “grazie” alla Safety Car? La FIA chiarisce l’accaduto

La FIA ha spiegato il motivo per cui la Safety Car è uscita davanti a Max Verstappen, che era in seconda posizione, anziché Lando Norris, leader della gara a Miami.

Lando Norris può ringraziare in parte la Safety Car se è riuscito a vincere a Miami. Il pilota britannico ha finalmente conquistato il gradino più alto del podio dopo 110 Gran Premi disputati: per l’alfiere della McLaren è la sua prima vittoria in Formula 1.

Oltre alla vettura di sicurezza, i danni al fondo di Max Verstappen (spiegati poi dal TP della Red Bull Christian Horner) hanno sicuramente dato un forte vantaggio a Norris. La Safety Car è uscita davanti all’olandese, che era in seconda posizione. Di norma, dovrebbe posizionarsi prima del leader della gara, che in quel momento era il giovane britannico.

Credits: Jacopo Moretti per F1InGenerale.com

Questa mossa ha permesso alla McLaren di fermare in anticipo Norris, che ha mantenuto il suo vantaggio in testa al Gran Premio. L’alfiere della McLaren si è ritrovato da sesto a primo dopo che i piloti davanti a lui si erano fermati.

Il vantaggio di Norris su Verstappen successivamente è aumentato; la McLaren del #4 ha potuto avere un gran distacco grazie alle gomme più fresche e al passo gara.

Il “pasticcio” è stato corretto nel momento in cui la vettura di sicurezza ha lasciato passare tutti i piloti per aspettare Lando e ricompattare il gruppo.

Safety Car a Miami: cos’è successo?

La FIA ha spiegato in esclusiva a RacingNews365 che dietro l’errore della Safety Car si nasconde un tempismo sbagliato: “L’abbiamo chiamata in ritardo, e ha mancato Lando Norris di 20 metri”.

“A quel punto, la direzione gara ha deciso di fare un giro lento per allineare tutte le vetture e permettere ai marshals di recuperare i detriti [c’era stato un incidente tra Logan Sargeant e Kevin Magnussen, ndr]. Ciò non sarebbe stato possibile se avessimo lasciato sfilare tutte le macchine direttamente davanti la Safety Car. Perciò hanno aspettato finché non si sono allineate prima di farle passare.”

Senza Safety Car, il pilota McLaren avrebbe comunque vinto.

Crediti immagine di copertina: Jacopo Moretti per F1InGenerale.com

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.