A TCFormula 1Interviste F1

F1 | Windsor duro su Perez post Melbourne: “Ora sai di non essere Verstappen ma il numero due”

Peter Windsor, analista di Formula 1, ha parlato del difficile weekend di Perez a Melbourne, che avrebbe aperto gli occhi del messicano sulle sue possibilità di giocarsi realmente il titolo contro Verstappen.

L’ultimo weekend stagionale appena trascorso all’Albert Park ha mostrato una Red Bull a due facce. Da un lato, un Max Verstappen dominatore assoluto, il quale ha sverniciato Hamilton con una facilità disarmante, prendendosi la seconda vittoria stagionale. Dall’altro lato invece Perez, autore di un fine settimana parecchio complicato. Peter Windsor, analista di Formula 1, ha parlato del difficile weekend di Perez a Melbourne, che avrebbe aperto gli occhi del messicano sulle sue possibilità di giocarsi realmente il titolo contro Verstappen.

Windsor Perez Verstappen Red Bull
Windsor: Melbourne un reality check per Perez, non al livello di Verstappen © PlanetF1

Windsor: Melbourne un reality check per Perez, non al livello di Verstappen

“Credo che in realtà la Red Bull si sia sentita sollevata, perché Perez è arrivato dall’Arabia Saudita come vincitore della gara e ha detto cose come: ‘Ci sono, posso vincere questo campionato. Aspetta Sergio. Stai calmo, amico. Sei il numero due di Max Verstappen, in pratica. E penso che questo sia stato un reality check. Ora sai di non essere Max Verstappen”.

Parole molto dure quelle di Windsor, che pesano come un macigno sull’autostima del messicano. Nei giorni precedenti al weekend di Melbourne, infatti, Checo aveva parlato del sogno di voler diventare campione del mondo, consapevole che, per farlo, avrebbe dovuto battere un osso durissimo come il compagno di squadra.

“Penso che ci sia un po’ di questo e un po’ di sollievo alla Red Bull. Perché quello di cui non hanno mai bisogno è una sorta di ridicola pressione aggiuntiva su Max. Il tipo di pressione che Piastri mette a Lando Norris solo per il fatto di essere super veloce, il tipo di pressione che George Russell mette a Lewis Hamilton solo per il fatto di essere super veloce.


Leggi anche: F1 | Ferrari convinta di poter tornare seconda forza già a partire dall’Azerbaijan


”La Red Bull è molto cauta e in un certo senso l’uscita di Perez dalla Q1 ha smorzato un po’ la situazione.Ho avuto l’impressione che non fossero così infastiditi dall’intera faccenda”, conclude il giornalista inglese.

Perez ha sofferto molto il weekend australiano, specialmente al sabato. Una giornata iniziata storta, a causa delle tantissime uscite fuori pista nelle FP3 e terminata nella ghiaia a pochi minuti dall’inizio del Q1. Il messicano è stato poi autore di una bella rimonta la domenica, conquistando alla fine un quinto posto.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter