Formula 1Interviste F1

F1 | Red Bull, all’orizzonte un ulteriore cambio di concept per la RB21

Pierre Wachè ha parlato dei piani di Red Bull in merito ad un possibile nuovo cambio di concept da introdurre sulla RB21 nella prossima stagione

Nonostante la netta supremazia nella passata stagione, culminata con ben 21 vittorie in 22 gare ad eccezione della tappa di Singapore vinta da Ferrari, Red Bull ha comunque voluto stravolgere il progetto anche quest’anno, presentando una RB20 decisamente discostante rispetto alla RB19. I risultati, vedendo le prime tre uscite stagionali, hanno dato ragione allo staff tecnico capitanato dal tandem Newey-Wachè.

Wachè concept RB21
All’orizzonte un ulteriore cambio di concept per la RB21: parla Wachè © Red Bull

La scuderia di Milton Keynes introdurrà inoltre il primo grande pacchetto di aggiornamenti in Giappone, con una nuova specifica di fondo volta ad ottimizzare l’effetto venturi, generando maggior carico aerodinamico, mentre la famosa versione B con le pance in stile zero sidepods, di filosofia Mercedes, è stata (almeno per ora) accantonata. 

Tuttavia, in Red Bull sono già proiettati al futuro, con il direttore tecnico Pierre Wachè che, parlando in un’intervista concessa a RacingNews365, ha parlato di una possibile ulteriore evoluzione del progetto: “Il nostro team di aerodinamici ha fatto un lavoro fantastico”.

”Hanno sviluppato il nuovo pacchetto in modo tale da avere più libertà di sviluppare ulteriormente la vettura all’interno del concept attuale. Pertanto, non vediamo il concetto attuale come la versione definitiva, ma abbiamo creato ulteriori possibilità di sviluppo”.

“Inoltre, è bello vedere che tutto funziona bene con questo concept, e che anche la correlazione tra le simulazioni e la pista corrisponde esattamente”.

Nonostante l’attenzione sui regolamenti tecnici 2026 costringerà le squadre a portare in pista delle vetture molto simili a quelle attuali, Wachè non ha comunque escluso un possibile cambio di concept con la RB21: “Anche se le regole sono le stesse per quest’anno e per il prossimo, non significa che l’anno prossimo non saremo di nuovo al via con un concept diverso”.


Leggi anche: F1 | Guerra di potere in Red Bull: Marko mette ordine


“Tutto dipende da ciò che troveremo negli studi per la creazione della nuova vettura. Se vedremo che un altro concept ci darà un grande vantaggio, allora lo sceglieremo sicuramente”.

“Se pensiamo all’anno scorso, sapevamo che con il regolamento attuale ci sarebbero state due stagioni. Per questo motivo si sapeva anche che, se il concept non avesse funzionato, ci sarebbe stato ancora tempo per sistemare le cose. Pertanto, si poteva correre il rischio”.

”Il processo è quello di continuare sulla base della filosofia attuale, ma non è escluso che si passi a un nuovo concetto’. Bisogna sempre avere una mentalità aperta. In questo mondo, stare fermi significa andare indietro. Per questo dobbiamo continuare a cercare di migliorarci. Dopotutto, ciò che si riesce a trovare di nuovo è ciò che ci dà il vantaggio”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter